Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC: nel 2021 una missione molto delicata
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 04/01/2021 08:00:00
“L’OPEC, probabilmente, potrebbe aumentare di nuovo la produzione, a febbraio, ma in termini di recupero dall’eccesso di offerta causato dal covid 19 la strada da fare è ancora molta…” (Bob McNally, presidente di Rapidan Energy Group).

 

Il 2020, uno tra gli anni più disastrosi per il mercato petrolifero, è ormai finito, ma in questo 2021 una grande sfida attende la OPEC+, in quanto i produttori di petrolio del gruppo misto dovranno valutare se sarà possibile continuare a ripristinare la fornitura di greggio senza annullare i progressi registrati sino ad ora in termini di prezzo del barile.

Le opinioni in seno al gruppo sono contrastanti: Mosca sostiene un nuovo aumento della produzione di 500000 barili giornalieri nel mese di febbraio, mentre Riyadh, tradizionalmente più cauta, non rende note le sue intenzioni.

Quel che è sicuro è che qualunque sia la decisione finale nulla sarà lasciato al caso ed a confermare quanto appena scritto troviamo la riunione OPEC+ di oggi, che sancisce il passaggio ad una serie di incontri a cadenza mensile, un cambio di programma volto ad avere una maggior capacità di reazione al variare del mercato.

 

Crollo dei prezzi

Nel 2020 le sfide, per la OPEC+, sono iniziate nel mese di febbraio, con il collasso della domanda cinese imputabile al diffondersi del covid 19, per estendersi ai mesi successivi, con la guerra dei prezzi scoppiata tra Russia ed Arabia Saudita che si è tradotta in una vera e propria onda nera che ha sommerso il mercato causando un tracollo delle quotazioni che ha condotto i futures USA al di sotto dello zero per la prima volta nella storia.

Grafico Brent by Tradingview

La tensione tra russi e saudita è stata risolta tramite la mediazione dell’allora presidente degli Stati  Uniti Donald Trump che, improbabile mediatore, ha favorito l’approvazione dei tagli alla produzione che noi tutti conosciamo; i tagli in oggetto, ora, sono in fase di attenuazione, ma questo sta inducendo la nascita di nuove controversie come quella tra Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, con questi ultimi che contestano la condotta dei sauditi.

 

Gli alleati si dividono

Mentre l’Arabia Saudita voleva ritardare qualsiasi aumento della produzione di petrolio di almeno tre mesi, gli Emirati hanno esercitato una forte pressione al fine di aumentare il processo di ripristino della produzione di greggio precedentemente tolta dal mercato: la disputa è stata risolta, ma ha gettato - e getta - una significativa “ombra” sulla situazione interna all’OPEC.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli