Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC: la priorità è affrontare il calo della domanda
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 30/11/2020 08:00:00
"L'efficacia e la disponibilità dei vaccini indicano una ripresa abbastanza ampia della domanda di petrolio, il prossimo anno, tale da consentire all'OPEC di ottenere sia un ribilanciamento delle scorte in eccesso sia un netto aumento della produzione” (Damien Courvalin, analista presso Goldman Sachs Group).

 

Nella giornata odierna prenderà il via il meeting OPEC di fine anno, dove i ministri dei paesi membri decideranno al strategia produttiva da implementare; come sempre si riuniranno a Vienna, ma la città sarà ben diversa rispetto agli anni passati: locali chiusi, strade deserte… e tutto questo a causa della pandemia di COVID 19.

Le strade deserte di Vienna dovrebbero senza dubbio indurre una certa cautela nei ministri OPEC, ma altrettanto vero è che il quadro complessivo si mostra decisamente più variegato: la situazione in Asia è sostanzialmente opposta a quella presente in Europa, e proprio questa enorme differenza tra est ed ovest rappresenta un ulteriore enigma per la OPEC e per i produttori alleati esterni al Cartello: i produttori dovranno decidere se aumentare, o meno, la produzione, e questo anche in presenza di un altro grande elemento di disturbo, ossia un consumo di carburante per aerei che risulta dimezzato rispetto allo standard, una situazione opposta rispetto a quella di benzina e diesel prodotti il cui consumo si mostra in forte aumento.

Lo squilibrio della ripresa, sia a livello geografico che tra prodotti, è un argomento che tiene banco da tempo, tra i delegati OPEC+, e sempre più spesso si parla anche della situazione dei singoli gradi di petrolio, con il mercato delle varietà pesanti sotto pressione a fronte di un mercato del greggio leggero che si conferma decisamente ben fornito.

Il contesto descritto nelle righe appena sopra rende decisamente complicato il processo decisionale della OPEC+, anche perché l’unico elemento su cui lavorare è la produzione, ossia l’unica cosa che i produttori possono fare è scegliere se aumentare, diminuire o mantenere inalterato l’output.

Dobbiamo, inoltre, tener conto di un altro elemento: la maggior parte del greggio OPEC finisce in Asia, dove la domanda è elevata, e non in Europa o negli USA, dove al richiesta è debole, e questo lascia intendere che la capacità di intervento in quella parte di mercato dove l’eccesso di offerta è marcato è davvero scarsa.

A fornire una speranza, tuttavia, è l’entità della contrazione della domanda, che, seppur marcato, non è sicuramente paragonabile a quello di inizio anno, e questo perché le nuove restrizioni non sono così intense come le precedenti.

 

Continua nella pagina successiva

 


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli