Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, BP: l’era della crescita è finita!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 16/09/2020 12:00:00
“La domanda di petrolio diminuirà, nei prossimi 30 anni, e la portata ed il ritmo di questo declino sono trainati dalla crescente efficienza e dall’elettrificazione del trasporto stradale” (dichiarazione dei tecnici BP).

 

Il report di BP parla chiaro: l’era della crescita della domanda di petrolio è giunta alla fine, con il consumo di greggio che potrebbe non tornare mai più ai livelli pre COVID.  I tecnici di BP, nella loro analisi, affermano senza mezzi termini che nel migliore dei casi la domanda di greggio rimarrà sostanzialmente piatta nei prossimi due decenni, con la transazione energetica che progressivamente allontana il mondo dai combustibili fossili.

BP si presenta come una voce fuori dal coro, infatti il resto dei partecipanti al mercato petrolifero, dai leader delle major all’OPEC, affermano che abbiamo di fronte a noi decenni all’insegna della crescita, con il petrolio che viene descritto come l’unico prodotto in grado di soddisfare le richieste di una popolazione globale in aumento e della classe media in espansione.

Il colosso del Regno Unito sta essenzialmente descrivendo un futuro inatteso, dove la supremazia del petrolio è prima messa in discussione per poi svanire del tutto e questo, probabilmente, spiega l’aggressività della società nel muoversi verso il pieno raggiungimento dei parametri previsti dagli accordi sul clima di Parigi, passi coraggiosi che nessuna altra azienda di settore ha messo in campo.  Bernard Looney, CEO della società, ha dichiarato, ad agosto, che avrebbe ridotto la produzione di petrolio e gas del 40% nel prossimo decennio e che avrebbe speso fino a 5 miliardi di dollari l'anno per dare alla luce uno tra i più grandi business al mondo nel settore dell’energia rinnovabile.

Looney ha preso le sue decisioni proprio pensando ad un utilizzo di petrolio che ha già raggiunto il picco a causa della pandemia, delle norme ambientali sempre più severe e del mutare delle abitudini dei consumatori.

Le stime di BP indicano un crollo del consumo di greggio pari al 50% entro il 2050 nel primo scenario, con la percentuale che raggiunge addirittura l’80% in un altro scenario ancora; in un contesto definito “Business as Usual” dalla società stessa, la domanda di petrolio tornerebbe a salire, ma si stabilizzerebbe a ridosso dei 100 milioni di barili giornalieri nei prossimi 20 anni.

 

A seguire - Tre scenari


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli