Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Oro: in pista per il sesto guadagno settimanale
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 08/01/2021 15:00:00
Il lingotto ha iniziato l’anno in modo incerto dopo aver messo a segno il maggior guadagno annuale in un decennio ma, sebbene ci siano ancora molti elementi favorevoli come il protrarsi della pandemia e l’incertezza economica globale, ha subito la pressione di Treasury con una resa in aumento.

 

L’oro sta per chiudere l’ottava in corso con il sesto guadagno settimanale, la serie più estesa da agosto, grazie ad un ritorno degli investitori che si concentrano sulla prospettiva di ulteriori stimoli da parte di governi e banche centrali; di rilievo anche le attese relative al mercato del lavoro a stelle e strisce che, secondo gli operatori di settore, potrebbe evidenziare una fase di stallo in termini di aumento delle assunzioni.

Grazie all’esito del ballottaggio in Georgia il neo eletto presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha ottenuto il pieno controllo del Congresso, una condizione che potrebbe senza dubbio favorirlo nel portare avanti la sua agenda legislativa.

In fase di campagna elettorale Biden ha promesso che i tanto decantati assegni di sussidio del valore di 2000 dollari sarebbero stati immediatamente distribuiti in caso di una sua vittoria.

Grafico Oro by Tradingview

Nel momento in cui queste righe sono scritte (venerdì 8 gennaio 2021 alle ore 4.35) l’oro scambia a ridosso dei 1910 dollari per oncia.

Il presidente della Federal Reserve Bank di Cleveland, Loretta Mester, ha affermato di non ritenere che l'aumento degli stimoli fiscali sotto Biden avrebbe spianato la strada ad una modifica della politica monetaria nel corso del 2021; altri funzionari della banca centrale come il presidente di Chicago, Charles Evans, e Raphael Bostic (Atlanta) hanno affermato che potrebbero sostenere la riduzione del ritmo degli acquisti di asset in corso da parte della Fed prima della fine del 2021 se l'economia dovesse riprendersi con sufficiente forza.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli