Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Oro: gli investitori ascoltano i Clash!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 17/09/2019 12:00:14
Le canzoni dei tempi passati non smettono mai di brillare… Un po’ come l’oro, che sta facendo impazzire gli investitori

 

“Should I stay or should I go now? If I go, there will be trouble,  and if I stay it will be double… So come on and let me know…”: scommetto che tutti conoscete questa vecchia canzone dei The Clash, ed è proprio a questo brano che fa riferimento Chad Morganlander, gestore presso Washington Crossing Advisors, quando gli viene chiesto cosa pensano gli investitori in merito alle posizioni sull’oro.

“Should i stay or should i go”, ovvero “Dovrei rimanere oppure dovrei andar via?” ed infatti è proprio questo dubbio che attanaglia gli investitori, sempre più incerti su quale sia la scelta migliore per il proprio portafogli…  

Tre perdite consecutive su base settimanale segnano senza dubbio una battuta d’arresto nel rally messo a segno dall’oro nel corso dei mesi passati, in fin dei conti la tensione tra USA e Cina pare alleviarsi ed i consumatori statunitensi continuano a mostrare una certa resilienza, due elementi, questi, che dovrebbero ridurre la richiesta di beni rifugio, una categoria della quale il lingotto è il rappresentante indiscusso.

Per ora non si parla certo di una fuga in massa dal metallo giallo, ma di certo la corsa all’oro vista negli ultimi mesi si è trasformata in una camminata a passo veloce con numerose pause per recuperare le energie disperse in precedenza.

“Lo sappiamo bene: per innescare o per fermare certe situazioni basta un tweet - spiega Chad Morganlander - per questo preferiamo guardare al lungo periodo e giocare con una strategia attendista”.

Grafico Oro by Tradingview

L’oro pare voler porre fine alla cavalcata rialzista degli ultimi quattro mesi che ha condotto le quotazioni a toccare i livelli più elevati degli ultimi sei anni a ridosso dei 1566 dollari per oncia, un movimento che si è rivelato di sostegno all’intero comparto dei metalli preziosi: i prezzi di argento e platino sono aumentati praticamente per tre mesi consecutivi sino ad agosto, con il primo che ha lambito i livelli di prezzo più elevati in tre anni e con il secondo che ha superato i 1000 dollari per oncia per la prima volta dal 2018; superstar, in termini di perfomance, il palladio, che ha registrato un nuovo massimo storico.

Ed ora? Ora gli investitori iniziano ad incassare i profitti!

 

A seguire - I fondi vendono, ma non troppo…


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli