Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Marsiglia, FederPetroli Italia: il Petrolio? È di chi lo ha, non di chi lo gestisce!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 08/07/2019 08:00:05
Un nuovo intervento del presidente di FederPetroli Italia, che ci spiega reale situazione dell’OPEC dalle colonne de “L’Indro”…

 

L’Opec come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi a rischio di morte, o forse la sua morte è già stata sancita con l’affermazione di OpecPlus. Ne parliamo con Michele Marsiglia, Presidente di FederPetroli

Lo scorso 2 luglio, i delegati dell’Opec, nel contesto del loro periodico meeting di Vienna, hanno firmato una Dichiarazione di Cooperazione con altri 11 grandi produttori, tra cui la Russia. Si tratta della formalizzazione di quello che è stato definito OpecPlus24 Paesi produttori di petrolio che rappresentano quasi la metà della produzione globale di greggio. 
La firma del documento -considerato da OPEC  «una pietra miliare senza precedenti nella storia dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio», un ‘matrimonio destinato a durare per l’eternità’, secondo il Segretario generale OPEC, Mohammad Barkindo-   è stata preceduta da scontri anche violenti all’interno dell’organizzazione, gravi fratture nel contesto del cartello in preparazione alla riunione di questa settimana. Il pretesto è stata la proroga per nove mesi dei limiti di produzione concordati a dicembre -poi approvata con l’esenzione dai tagli alla produzione di Libia, Iran e Venezuela-, ma alla base vi è una crisi profonda dell’organizzazione. 

Il Ministro iraniano del Petrolio, Bijan Namdar Zanganeh, alla vigilia dell’incontro, aveva denunciato il carattere unilaterale dell’accordo tra Russia e Arabia Saudita sui tetti alla produzione di greggio, annunciata domenica scorsa dal Presidente russo, Vladimir Putin, a margine del G20, Russia e Arabia Saudita, rispettivamente leader dei Paesi non Opec e Opec, avevano raggiunto tale accordo, Zanganeh aveva lamentato non essere questa «una decisione presa in sede Opec».
Ma Zanganeh era andato ben oltre, denunciando che «l’Opec rischia di morire», di non esistere più, se continua l’unilateralismo e l’imposizione di decisioni prese al di fuori del gruppo.  «La principale difficoltà e pericolo che l’Opec si trova ora ad affrontare è l’unilateralismo. Se l’Opec vuole rimanere in vita dovrebbe decidere all’interno dell’Opec e non ricevere istruzioni dall’esterno. Non siamo qui solo per suggellare una decisione presa all’esterno», aveva dichiarato Zanganeh, non da ora contrario all’OpecPlus.
Serve ‘unità’ tra i Paesi Opec, ha sottolineato Zanganeh, «senza unità tra i Paesi Opec è inutile pensare a una cooperazione tra i Paesi Opec e non-Opec». Toni forti che poi nel corso del vertice sono sfumati, e l’Iran ha firmato come tutti gli altri membri OPEC il Documento di cooperazione con i non-OPEC. «L’Iran è favorevole alla cooperazione con i Paesi non-Opec, ma fin quando alcuni membri dell’Organizzazione continueranno a creare tensioni con altri Paesi, come l’Iran, non avrebbe senso un’intesa tra Paesi Opec e non-Opec».

Secondo ‘Bloomberg’  -che fornisce una dettagliata ricostruzione dell’incontro di Vienna-, per l’Arabia Saudita, OpecPlus «fornisce una copertura contro le future turbolenze del mercato petrolifero», mentre per la Russia è un aiuto«ad espandere l’influenza di Putin in Medio Oriente», il che, si sottolinea, è un duro colpo per gli Stati Uniti, l’ipotesi, infatti, è che la Russia possa usare la diplomazia del petrolio per soppiantare gli Stati Uniti in Medio Oriente, tirando le fila della nuova organizzazione. La stessa nascita di OpecPlus, secondo alcuni  osservatori, dimostrerebbe che se l’Opec non è morto certo non sta bene, sarebbe l’evidenza della debolezza dell’organizzazione e dei suoi membri, considerato che la gestione dell’offerta è diventato qualcosa sulla quale si concentrano solo gli attori della penisola arabica,  la deferenza verso Mosca dimostrrerebbe le intrinseche debolezze dei Paesi Opec, ovvero la dipendenza dal petrolio in un mercato petrolifero che è diventato più competitivo, specialmente perché le scorte di shale americane stanno aumentando.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli