Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Il Venezuela rifiuta il default, ma voi lo sapete il perchè?
(Pag. 1)



Gabriele Picello Articolo pubblicato il 10/07/2016 10:00:04


 

Ti potrebbe interessare anche

 

Venezuela nel baratro: Coca Cola ferma la produzione

Oro, Venezuela: riserve in liquidazione

Petrolio: in Venezuela i saldi partono in anticipo

 

 

Due anni sono passati da quando Ricardo Hausmann (economista) ha suscitato scalpore in Venezuela - suo paese natale - ponendo una domanda particolarmente scomoda, ossia: “Perchè una nazione così affamata di denaro si ostina a pagare i suoi debiti all’estero? Come si giustifica l’erogazione di moneta forte ai ricchi obbligazionisti di New York quando non si possono nemmeno pagare le importazioni alimentari e di medicinali du cui milioni di cittadini impoveriti hanno disperatamente bisogno? Trovo questa scelta morale assai strana!”.

 

 

 

La reazione delle autorità di Caracas non si fece attendere ed il povero Hausmann fu etichettato con epiteti poco gradevoli, tra cui quello di “fuori legge”, ma visto l’evolversi degli eventi venezuelani, la domanda pare essere quantomai attuale…

 

 

 

Dal discorso dell’economista sono passati anni ed in questo lasso di tempo il prezzo del Petrolio, pura linfa vitale per il Venezuela, si è praticamente dimezzato approfondendo la crisi senza precedenti in cui versa la nazione ormai costretta a razionare il cibo e vittima di saccheggi e crollo di cure mediche da parte di cittadini che stentano ormai a potersi permettere l’aria che respirano, ma in questo contesto terribile gli obbligazionisti continuano a ricevere il loro denaro, fino all’ultimo centesimo e per un ammontare di miliardi e miliardi di dollari.

 

 

 

“Ci sono due mondi in Venezuela: il mondo degli obbligazionisti ed il mondo che rispecchia quanto accade nel paese” (Francisco Ghersi, Knossos Asset Management).

 

 

 

Nel corso del ventunesimo secolo abbiamo assistito a tutta una serie di insolvenze, dall’Argentina all’Ucraina passando per l’Ecuador, ma in quasi tutti i casi le autorità hanno pigiato il tasto del default ben prima che la situazione divenisse disastrosa come quella in cui attualmente versa il Venezuela.

 

 

 

Unico caso che potrebbe ricordare il Venezuela è quello dello Zimbabwe, ma anche qui le cose non collimano, in quanto il Venezuela era significativamente più ricco dello Zimbabwe prima che calasse la scure della crisi e quindi il collasso dell’economia venezuelana ha avuto una magnitudo decisamente maggiore (Arturo Porzecanski, American University).

 

 

 

Le stranezze sono in ogni caso molte, pensiamo solo ai governi del Venezuela: sono governi socialisti che per due decenni buoni hanno lottato contro le potenze capitaliste straniere; a questo punto la domanda di Hausmann pare più che lecita: Perchè?”.

 

 

 

Ci sono sostanzialmente tre teorie, vediamo cosa dicono!

 

A seguire - Tre teorie per resistere al Default

 

 

 



Potrebbero interessarti anche...
Argento, allacciate le cinture: il rally sta per iniziare!
Materie Prime
La Redazione 03/01/2023 12:00:00
La maggior parte degli analisti è ottimista sull'argento poiché la transizione ... leggi tutto
Jim Rogers: questo è il grande rischio del 2023
Materie Prime
La Redazione 05/01/2023 12:00:00
“Abbiamo molte banche centrali che stampano denaro - ha spiegato Rogers ... leggi tutto
Oro: il Bull Market potrebbe essere appena iniziato
Materie Prime
La Redazione 17/01/2023 12:00:00
Il mese scorso Eric Strand, gestore di portafoglio e creatore del ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli