Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Gas Naturale: alla Russia piace basso…



La Redazione Articolo pubblicato il 28/10/2021 12:00:00
“Una situazione del genere, in fin dei conti, sta portando a una riduzione dei consumi e questo influenzerà i nostri produttori, compresa Gazprom - ha dichiarato il presidente Vladimir Putin - questo è il motivo per cui non siamo interessati alla crescita infinita dei prezzi dell'energia, incluso il gas”.

 

Il 60% in meno rispetto ai livelli attuali: questo è il giusto prezzo del gas naturale in Europa, almeno secondo la Russia, che si mostra preoccupata per le conseguenze sulla domanda di un un protrarsi nel tempo degli attuali prezzi eccessivamente elevati.

A parlare è il colosso Gazprom, che indica un prezzo ideale di 300 - 400 dollari per mille metri cubi, un prezzo che aiuterebbe la società a mantenere la presa sul mercato europeo anche se numerose nazioni decideranno di affidarsi a fonti di energia più “green” (un funzionario ha esteso a 200 dollari la fascia bassa, anche se lo stesso funzionario ha ammesso che prezzi a questi livelli sarebbero difficilmente tollerabili).

I commenti in arrivo da Mosca sono in netto contrasto con le quotazioni attuali, balzate a livelli record a causa dei timori relativi ad una crisi di approvvigionamento in vista della stagione invernale in un momento di mercato che vede le scorte di gas ai livelli più bassi dell’ultimo decennio insieme a flussi limitati ed una forte concorrenza dall’Asia per i carichi di GNL.

I futures sul gas europeo sono passati di mano a circa 88 euro al megawattora, ovvero circa 1150 dollari per mille metri cubi (il prezzo massimo è stato raggiunto all’inizio del mese di ottobre superando i 2000 dollari).

Grafico con fonte Bloomberg

Il Cremlino ha espresso pubblicamente la sua preoccupazione: “Una situazione del genere, in fin dei conti, sta portando a una riduzione dei consumi e questo influenzerà i nostri produttori, compresa Gazprom - ha dichiarato il presidente Vladimir Putin - questo è il motivo per cui non siamo interessati alla crescita infinita dei prezzi dell'energia, incluso il gas”.

Putin e altri funzionari di alto rango hanno in più occasioni dichiarato la necessità di limitare i prezzi del gas in Europa, tuttavia, la Russia non ha inviato volumi aggiuntivi significativi di gas al mercato spot della regione per alleviare la crisi, citando la necessità di dare priorità allo stoccaggio domestico prima dell’inverno.

Le esportazioni di Gazprom in Europa sono state inferiori di anno in anno dalla fine di agosto, con alcuni funzionari del continente che accusano il produttore russo di aver contribuito alla crisi trattenendo intenzionalmente volumi aggiuntivi. La società afferma che spedisce il carburante in linea con le richieste dei suoi clienti a lungo termine e alcune importanti società di servizi pubblici della regione confermano di non chiedere di più a causa dei prezzi elevati.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli