Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Gas Naturale: ENI deve affrontare il sesto giorno consecutivo di fornitura ridotta



La Redazione Articolo pubblicato il 20/06/2022 09:00:00
L'attuale protocollo di emergenza gas in Italia prevede tre fasi che vanno da uno stato di pre-allerta, imposto a fine febbraio dopo l'invasione russa dell'Ucraina, prima di passare a uno stato di allerta e poi allo stato di emergenza

 

La russa Gazprom ha dichiarato che soddisferà solo in parte una richiesta dell'italiana Eni relativa alle forniture di gas in consegna per la giornata odierna: questo è quanto afferma la GME (borsa energetica statale) segnalando un sesto deficit giornaliero consecutivo e sottolineando come Eni sia impegnata a monitorare attentamente l’evolversi della situazione e si sia detta pronta a comunicare tempestivamente qualsiasi aggiornamento.

L'azienda italiana ha dichiarato di aver ricevuto, nel fine settimana, forniture Gazprom in linea con quelle dei giorni passati: venerdì Eni ha ricevuto solo la metà del gas richiesto, mentre giovedì ha ricevuto il 65% dei volumi richiesti e mercoledì è stato inviato l’85% del volume richiesto.

Grafico ENI by Tradingview

Giovedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che le riduzioni dell'offerta non sono state premeditate e sono legate a problemi di manutenzione, ma il primo ministro italiano Mario Draghi ha liquidato questa spiegazione come una “menzogna”; la scorsa settimana i flussi di gas russo sono stati inferiori alla domanda in un certo numero di paesi europei, aumentando i prezzi di riferimento sulla scia dei timori relativi alla capacità del blocco di accumulare un volume di gas sufficiente ad affrontare l’inverno.

L’Italia potrebbe varare una sorta di stato di allerta intensificato, se la Russia dovesse continuare a limitare le forniture: questo è quanto recentemente affermato da fonti vicine al governo e la questione potrebbe essere discussa dal comitato tecnico di emergenza per il gas già nella giornata di domani.

Uno stato di allerta attiverebbe una serie di misure volte a ridurre i consumi, tra cui il razionamento del gas a utenti industriali selezionati nell'ambito dei contratti esistenti, l'aumento della produzione nelle centrali a carbone e anche la richiesta di maggiori importazioni di gas da altri fornitori nell'ambito dei contratti esistenti.

L'attuale protocollo di emergenza gas in Italia prevede tre fasi che vanno da uno stato di pre-allerta, imposto a fine febbraio dopo l'invasione russa dell'Ucraina, prima di passare a uno stato di allerta e poi allo stato di emergenza.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli