Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Emergenza Gas: i piani dell’Italia per ridurre i consumi



Gabriele Picello Articolo pubblicato il 12/07/2022 09:00:00
“Dobbiamo assolutamente raggiungere livelli di stoccaggio del 90% negli ultimi mesi dell’anno - spiega il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani - nei prossimi due anni ci sarà un numero crescente di nuovi fornitori che ci consentirà di essere ragionevolmente indipendenti dai fornitori russi entro la seconda metà del 2024, ma l'inverno 2022 sarà un po' più delicato”

 

Se siete abituati a fare una bella doccia calda per rilassarvi dopo una dura giornata di lavoro o, nel periodo invernale, a trascorrere le serate in casa al calduccio, iniziate a preoccuparvi, perché tra le “straordinarie” idee del governo italiano per fronteggiare la potenziale carenza di gas russo troviamo proprio questi due elementi, ovvero ridurre la temperatura nelle abitazioni durante il periodo invernale e passare meno tempo sotto la doccia… 

“Le menti si concentrano sul trovare modi per ridurre la richiesta di energia”: così scrivono i giornalisti di Reuters dopo che i vertici di ENI hanno dichiarato che riceveranno circa un terzo in meno di gas dalla russa Gazprom rispetto ai volumi medi degli ultimi giorni.

Il gasdotto Nord Stream 1, che trasporta il gas dalla Russia alla Germania, è stato fermato per consentire alcune operazioni di manutenzione e quanto sta accadendo suscita timori in merito a quello che potrebbe accadere nel caso in cui l’interruzione dovesse protrarsi a lungo nel tempo ma, lo ricordiamo, la fermata di Nord Stream 1 in questo periodo è nota da almeno un mese:  forse, a giugno, “le menti” non erano abbastanza concentrate?

L’Italia, come la maggior parte dei paesi UE, sta tentando di ridurre la dipendenza dal gas russo e di accumulare scorte sufficienti a soddisfare la richiesta invernale, quando la fornitura potrebbe rivelarsi particolarmente ridotta: “Dobbiamo assolutamente raggiungere livelli di stoccaggio del 90% negli ultimi mesi dell’anno - spiega il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani - nei prossimi due anni ci sarà un numero crescente di nuovi fornitori che ci consentirà di essere ragionevolmente indipendenti dai fornitori russi entro la seconda metà del 2024, ma l'inverno 2022 sarà un po' più delicato”.

Grafico Gas Naturale Europa by Tradingview

Cingolani ha dichiarato che Roma sta lavorando per mettere a punto una campagna di informazione pubblica volta a convincere gli italiani a consumare meno elettricità e gas, nonché a preservare l'acqua durante l'attuale siccità estiva… Personalmente, trovo che Roma stia diventando molto simile a Paperopoli, con la suddetta campagna di informazione che pare dire: “… signori, noi non abbiamo la più pallida idea di cosa fare, ragion per cui, come sempre, ne farete le spese voi…” ed il tutto in un contesto contraddistinto da governi che non hanno mai e poi mai mostrato la capacità e la volontà di mettere a punto un piano di approvvigionamento energetico sostenibile nel medio lungo periodo, un piano di approvvigionamento di cui abbiamo un disperato bisogno ma, a quanto pare, si preferisce lavorare su altri fronti, fronti più pratici, fronti su cui “le menti” possano concentrarsi senza eccessivo sforzo: “Se potessimo abbassare la temperatura media di 1 grado Celsius o ridurre i tempi di riscaldamento di un'ora, risparmieremmo 1,5 o 2 miliardi di metri cubi di gas all’anno”: questo il commento di Cingolani riportato dai giornalisti Reuters…

Lunedì il colosso russo del gas Gazprom ha fornito circa 21 milioni di metri cubi, mentre nei giorni scorsi Eni aveva ricevuto un volume giornaliero di circa 32 milioni di metri cubi; attualmente i siti di stoccaggio del gas italiano sono pieni al 64%, decisamente lontani da quel 90% che rappresenta l’obiettivo di Cingolani.

 


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli