Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Caffè: l’Europa attacca gli Stati Uniti. E vuole vincere a tutti i costi!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 01/10/2020 18:00:00
“Ci rivolgeremo a consumatori giovani e ricchi e che siano anche dei veri intenditori di caffè - afferma Linemayr - quello che vogliamo è affermare la nostra azienda come leader in termini di qualità”.

 

Tchibo, uno tra i maggiori fornitori di caffè dell’Europa, scommette sui suoi 70 e più anni di esperienza nel settore per mettere a segno la prima incursione negli Stati Uniti attaccando giganti del calibro di Starbucks e Peet’s Coffee.

La società, con sede ad Amburgo, introdurrà i suoi caffè torrefatti e macinati negli USA nel corso delle prossime settimane, dando così seguito alla strategia elaborata da Thomas Linemayr, CEO di Tchibo, che vanta a curriculum la supervisione della divisione americana di Lindt & Sprungli: il caffè dell’azienda guidata da Linemayr è venduto praticamente in tutta Europa, ma ora il CEO ha posto nel mirino i consumatori a stelle e strisce, e possiamo scommettere che farà di tutto per convincerli ad acquistare il suo caffè.

“Ci rivolgeremo a consumatori giovani e ricchi e che siano anche dei veri intenditori di caffè - afferma Linemayr - quello che vogliamo è affermare la nostra azienda come leader in termini di qualità”.

Thomas Linemayr, CEO di Tchibo (fonte Bloomberg)

A curare la distribuzione del caffè di Tchibo sarà Rainmaker Food Solutions, che lo renderà disponibile presso un'ampia selezione di rivenditori nei mercati di Illinois, Indiana, Iowa, Ohio, Michigan, Minnesota, Missouri e Wisconsin.  I prodotti della società includono caffè torrefatto e macinato ed in grani e, nell’offerta al pubblico, sarà inserita una apposita macchina in grado di effettuare la macinazione.

 

Tchibo

Fondata nel 1949, Tchibo vanta un fatturato annuo di poco inferiore ai 4 miliardi di dollari, con il caffè che pesa per circa il 50% di tale fatturato.  L’azienda dispone di piantagioni di caffè in Brasile e Tanzania, ed attualmente può vantare oltre 1000 punti vendita al dettaglio dove distribuisce il suo prodotto nonché macchine per la preparazione del caffè insieme ad altri elettrodomestici.  L'azienda mira a competere con i grandi rivenditori nazionali statunitensi e, in una certa misura, Starbucks e Peet's, ha affermato Linemayr.

Secondo James Watson, analista di mercato presso Rabobank, Tchibo sta entrando nel mercato del caffè tostato e macinato che negli USA, nel 2019, ha generato circa 4 miliardi di dollari di vendite; questo importate mercato sta ora migrando verso la ricerca di un prodotto più raffinato.

“Si sta realizzando una sorte di meccanismo di premio per le aziende e questo deriva dalla tendenza dei consumatori a passare dal consumo nei bar e nei ristoranti ad un consumo all’interno delle mura domestiche: in questo contesto le società che guadagnano più quote di mercato sono le più grandi e prestigiose” (J. Watson).

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli