Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Attenzione al Gas: potrebbe finire come il Petrolio!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 13/05/2020 08:00:00
La situazione commerciale europea ha da sempre reso il blocco UE una destinazione privilegiata, ma ora il crollo della domanda di gas rischia di generare una replica di quanto accadde con il petrolio a Cushing (Oklahoma) dove la capacità di stoccaggio ha rasentato la saturazione

 

La domanda sempre più debole ed una capacità di stoccaggio decisamente esigua sono elementi che potrebbero spingere il Qatar - maggior esportatore mondiale di Liquified Natural Gas (LNG) - a prendere decisioni a dir poco drastiche: la nazione potrebbe frenare la produzione o, nel peggiore dei casi, innescare una guerra dei prezzi simile a quella che ha spinto i prezzi del petrolio in territorio negativo.

Il Qatar ha iniziato ad intervenire nel mese di febbraio, dirottando in Europa nord occidentale alcuni carichi di LNG destinati all’Asia, regione dove la presenza del coronavirus ha seriamente intaccato le operazioni commerciali: questa soluzione, tuttavia, ha restituito risultati accettabili solamente a breve termine, in quanto il virus, come ben sappiamo, si è diffuso a livello globale lasciando il Qatar alla ricerca di nuovi sbocchi per il suo LNG.

Lo stato del Golfo Persico guidato dall'emiro Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani deve ora prendere una decisione: come affermato in apertura potrebbe ridurre la produzione, ma questo ridurrebbe le entrate statali e, inoltre, favorirebbe la concorrenza (in questo senso l’Australia potrebbe guadagnare quote di mercato sino a strappare al Qatar la corona di maggior esportatore mondiale di LNG).

In alternativa l’emirato potrebbe tagliare i prezzi, ma questo andrebbe a ridurre i margini di guadagno dell’intero settore, compresi i produttori a basso costo; un intervento di questo tipo, inoltre, potrebbe anche spingere i prezzi in territorio negativo, proprio come accadde nel mercato petrolifero statunitense nel mese passato.

La situazione commerciale europea ha da sempre reso il blocco UE una destinazione privilegiata, ma ora il crollo della domanda di gas rischia di generare una replica di quanto accadde con il petrolio a Cushing (Oklahoma) dove la capacità di stoccaggio ha rasentato la saturazione (già ora i siti di stoccaggio europei si stanno riempiendo rapidamente).

Le consegne di LNG del Qatar in Europa nord occidentale hanno registrato un picco nel mese di aprile, con ben quattro petroliere giunte nei terminal di importazione del Belgio, ma ora, spiegano gli analisti di Wood Mackenzie la domanda di prodotto è fortemente depressa ed inserita in un trend che potrebbe estendersi ai prossimi 12 - 18 mesi.

Attualmente le spedizioni di LNG in Europa sembrano rallentare, ed i dati in arrivo a mercato suggeriscono che il picco di aprile non verrà replicato a maggio (attualmente 17 vascelli da trasporto risultano inattivi al largo delle coste dell’emirato; le autorità preposte non hanno rilasciato commenti n merito alla questione).

 

Continua nella pagina successiva



Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli