Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: il vero prezzo dell’entrata a gamba tesa dell’Arabia Saudita
(Pag. 2)



La Redazione Articolo pubblicato il 11/01/2021 12:00:00
Di sicuro la protezione contro un ulteriore crollo della domanda non sarà gratis, ma sarà molto più economica di quanto suggerito dai dati iniziali e poi… la tranquillità non ha prezzo…!

 

Chiaramente la reazione dei prezzi ad un nuovo calo della domanda di greggio preoccupa anche i sauditi, ragion per cui pur di evitare possibili problemi in futuro il ministro saudita ha deciso di agire unilateralmente in accordo con il principe Mohammed bin Salman, leader de facto dell’Arabia Saudita.

Il costo dei tagli alla produzione volontari implementati dall’Arabia Saudita (1 milione di barili di produzione per i 59 giorni di febbraio e marzo) equivarrebbe a 3 miliardi di dollari, con un barile a 51 dollari, ma vi sono anche altri fattori da tenere in considerazione, uno su tutti il risparmio sui costi di produzione (circa 177 milioni di dollari) ed il ridursi, per motivi stagionali, del consumo interno, che consentirebbe di ridurre le esportazioni non di un milione di barili al giorno, ma di 860000 barili al giorno (ancor meno se si dovesse attingere ai siti di stoccaggio).

E poi l’impatto maggiore, quello sui prezzi, con il Brent che è arrivato a lambire i 54 dollari per barili arrecando indubbio profitto al contesto complessivo: quanto appena affermato non è sufficiente per coprire l’impatto totale dell’operazione, ma di sicuro rappresenta un passo avanti…

Tra agosto ed ottobre 2020 l’Arabia Saudita ha esportato 7,17 milioni di barili giornalieri di greggio e raffinati: 59 giorni a questi volumi si tradurrebbero in un controvalore di 21,6 miliardi di dollari con un Brent a 51 dollari per barile; il taglio alla produzione ridurrebbe tale flusso a 6,29 milioni di barili giornalieri con un controvalore di 18,9 miliardi di dollari, ma questo con un greggio a 51 dollari, perché se si parla di un barile a 54 dollari, allora tale cifra si innalza a 20 miliardi di dollari!

Forse non tutti sanno che l’Arabia Saudita dispone di una sorta di assicurazione sulle entrate derivanti dal greggio che vanta un premio di 3 miliardi di dollari, ma in queste condizioni tale premio scende ad 1,47 miliardi di dollari e aggiungendo il risparmio sui costi di produzione si scende ulteriormente ad 1,29 miliardi di dollari, mentre ogni dollaro in più che varrà il barile consentirà al Regno di risparmiare ulteriori 372 milioni di dollari.

Di sicuro la protezione contro un ulteriore crollo della domanda non sarà gratis, ma sarà molto più economica di quanto suggerito dai dati iniziali e poi… la tranquillità non ha prezzo…! 

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli