Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Oro: non tutti i Gold Bugs hanno il cappellino di carta stagnola…
(Pag. 2)



La Redazione Articolo pubblicato il 10/07/2019 10:00:09
Il metallo prezioso è quanto di più simile ad uno store of value in questo delicato momento di mercato…

 

I sostenitori delle criptovalute affermano che anche questi asset sono depositi di valore al pari - se non meglio - dell’Oro, e potrebbero anche avere ragione, in fin dei conti non può essere coniato un numero illimitato di monete elettroniche, ma il Bitcoin, per citare la più famosa, è contraddistinto da alcuni problemi tecnici che di certo non possiamo ritrovare nell’Oro: cosa accadrebbe, ad esempio, se ci trovassimo di fronte ad interruzioni di energia elettrica protratte nel tempo? Come afferma Jared Dillian (autore dell’analisi in oggetto), molto probabilmente quello che puoi toccare con mano è molto più prezioso delle righe di un codice…

Quello che, tuttavia, ha influenzato maggiormente il prezzo dell’Oro è il proliferare del debito a rendimento negativo: attualmente, nel mondo, sono presenti circa 13 trilioni di dollari in obbligazioni a rendimento negativo ed a questo proposito possiamo agevolmente dire che seppur sia vero che vi sono costi di stoccaggio da affrontare, il metallo prezioso per eccellenza si mostra comunque come un asset ad alto rendimento, se paragonato alle succitate obbligazioni…

Quegli investitori che sostengono a spada tratta l’Oro sono definiti “Gold Bugs”: spesso questo titolo viene affibbiato in tono di scherno, identificando questi investitori come i classici cospiratori con tanto di cappello di carta stagnola in testa, ma l’attuale contesto politico ed economico suggerisce che le cose siano leggermente diverse…

La teoria dell’iperinflazione del 2009 era ampiamente accettata, ma era il timore dell’inflazione elevata in oggetto a spingere le persone verso l’Oro: in parole povere, il metallo giallo può muoversi a rialzo sulla scia della paura; può essere la paura del deficit, o quella della MMT, ma sostanzialmente si tratta di paure e non di eventi reali.  Occasionalmente i mercati sono palesemente irrazionali, ma questo non implica che non si possa trarre vantaggio da questa irrazionalità.

Le bolle sono contraddistinte da due fasi ben precise: nella prima troviamo la speculazione e la partecipazione al dettaglio e poi vi è la fase successiva, che potrebbe palesarsi solamente anni dopo, guardiamo il settore tecnologico: è successo nel 1999 e poi tutto si è esteso al coinvolgimento, in tempi ben più recenti, delle FAANG (Facebook, Apple, Amazon, Netflix e Google); ora sta accadendo con il Bitcoin, con la spinta rialzista più recente che non vede una particolare partecipazione al dettaglio… E sta accadendo nell’Oro, dove la scarsa vendita al dettaglio suggerisce un’ampia partecipazione degli elementi istituzionali e delle banche centrali.

Le persone tendono ad investire sui prodotti con cui hanno affinità: gli ambientalisti prediligeranno Beyond Meat, gli amanti della Cannabis hanno investito nelle azioni di settore ed i conservatori investono nell’Oro 

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli