Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Commodity Report numero 243
(Pag. 2)



Giancarlo Dall'Aglio Articolo pubblicato il 12/10/2020 08:40:13


Commodities: il punto della situazione 

 

Il dollaro potrebbe indebolirsi nuovamente se il mercato restasse in modalità risk on, favorendo l’intero comparto delle commodities, su cui sembrano volar puntare molti gestori nel 2021. 

 

Dollar Index

 

Il petrolio, dopo un minimo in area 37 dollari, è stato oggetto di attenzioni dei rialzisti che hanno riportato le quotazioni in area 41. Tecnicamente il greggio è messo bene, spinto anche dal prolungato effetto che quest’anno sta avendo la stagione degli uragani, ma non bisogna illudersi troppo, perché la domanda è ancora molto debole rispetto alla media storica, mentre la produzione è in leggero aumento. La posizione in bear spread è stata chiusa sui minimi, abbassando il costo delle call 50 scad marzo, alla cui ulteriore riduzione contribuisce anche la call 47 venduta su scad dicembre, che a breve inizierà a risentire in modo importante del decadimento temporale. 

 

Petrolio

I dati sulle scorte di Natural Gas sono risultati superiori alle attese e il movimento dei prezzi resta all’insegna dell’incertezza e della volatilità in questa fase, in attesa di capire quali sviluppi possono esserci dal lato della domanda nei prossimi mesi. L’offerta è invece in progressivo aumento, come certificano i dati di Baker Hughes sugli impianti attivi.

 

Speciale Report USDA 

Mais: 2019/20: Il vecchio raccolto si è concluso il 31 agosto. L’USDA ha rivisto le scorte rispetto alla stima del 30 settembre a 1,995 miliardi, quindi  -258 milioni inferiore alla loro stima WASDE dell’11/09.

2020/21: Le nuove scorte sono state ridotte da 2.503 miliardi a 2.167, contro attese di 2.113. A fronte di ciò resta a livelli record (per questo periodo dell’anno), la domanda di mais proveniente dalla Cina. 

 

Mais

 

Soia: 2019/20: Il 31 agosto si è concluso il vecchio raccolto. USDA ha rivisto le scorte rispetto alla stima del 30 settembre a 523 milioni, quindi -52 milioni della loro stima WASDE del 11 settembre.

2020/21: Le nuove scorte sono state ridotte da 460 a 290 milioni di bushel, contro previsioni a 369. I rendimenti sono rimasti invariati da settembre a 51,9 Bpa. La produzione è stata abbassata di 14 milioni a 4.268 miliardi. Le variazioni della domanda sono state ragionevoli, con un aumento di 75 milioni per le esportazioni e una diminuzione minore di 2 milioni per il residuo. Appena due mesi fa le scorte erano a 610. Ora siamo 320 milioni sotto quel livello. Un record! 

La cosa interessante è considerare il rapporto tra scorte ed utilizzo, attualmente a 6.4%, ai minimi dal 2016. Questi dati su scorte e rapporto scorte/utilizzo proietterebbero i prezzi addirittura a 11 dollari/Bu, Dato questo da non trascurare per chi è orientato a mettersi short controtendenza. È evidente che sulle quotazioni di questa commoditiy influiranno anche, e molto, i rapporti tra Cina e USA e conseguentemente l’esito delle elezioni. 

 

Soia

 

Grano 2020/21: USDA ha abbassato le scorte di grano americano da 925 a 883, stimata a 887 prima del report. Sul lato della domanda si è osservato un aumento di 10 milioni di bushel per l'alimentazione. Secondo i dati attuali, facendo lo stesso esercizio effettuato per la Soia, i numeri implicherebbero un prezzo circa 5.65 $. Tuttavia, c'è un po' di premio a causa delle condizioni meteo di Stati Uniti, Ucraina e Russia. Nel bilancio mondiale l'USDA ha aumentato le stime per la Russia, e rivisto un po’ al ribasso quelle di Canada, Argentina ed Ucraina. Resto dell’idea che il grano sia sopravvalutato nel complesso, se analizzato rispetto al raccolto globale, ma è evidente che mettersi contro il mercato non è mai cosa giusta. 

 

Grano

I preziosi hanno recuperato terreno rispetto alla settimana precedente. Sul Gold sono ancora ottimista ed anzi ho aperto un bull spread call 2000-2150 dicembre, sull’idea che il prezzo possa salire sia se venisse ufficializzato il nuovo stimolo economico in USA, sia in prossimità delle elezioni USA, come bene rifugio. 

 

Oro

L’argento è più correlato alle borse in questa fase e sovra performa nelle giornate di propensione al rischio. 

Sulle soft non ho spunti particolari questa settimana, tranne prendere atto del superamento di area 67 del cotone. 

Per le carni interessante la situazione dei Live Cattle, che potrebbero essere sopravvalutati in questo momento, per il record di capi presenti negli allevamenti. A livello di forza relativa, meglio i Lean Hogs per i long. 

 

Live Cattle

 



Potrebbero interessarti anche...
Commodity Report numero 254
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 11/01/2021 08:40:35
I riposizionamenti dei portafogli preannunciati la scorsa settimana sono partiti, ma ... leggi tutto
Commodity Report numero 253
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 04/01/2021 08:32:24
 E adesso, per i mercati, arriva una fase delicata. Se infatti ... leggi tutto
Commodity Report numero 255
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 18/01/2021 08:21:13
Il piano di produzione e distribuzione dei vaccini contro il Covid ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli