Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Petrolio: la domanda cresce? Nessun problema: ci pensano loro!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 17/06/2017 10:00:03
Un titolo ambiguo? Forse si, ragion per cui facciamo subito chiarezza: quel “loro” sta ad indicare i produttori esterni al Gruppo, la cui produzione sarà più che sufficiente, nel 2018, a soddisfare l’aumento di richiesta di Petrolio che in tanti prevedono.

 

Un titolo ambiguo? Forse si, ragion per cui facciamo subito chiarezza: quel “loro” sta ad indicare i produttori esterni al Gruppo, la cui produzione sarà più che sufficiente, nel 2018, a soddisfare l’aumento di richiesta di Petrolio che in tanti prevedono.

Stati Uniti, Brasile, Canada ed altri produttori che nulla hanno a che vedere con il Cartello (a parte, ovviamente, una spietata concorrenza) aumenteranno la loro produzione di greggio portandola, nel 2018, ai livelli più elevati degli ultimi quattro anni, una stima che lascia intendere che forse OPEC ed alleati dovranno rivedere i loro piani relativi a profondità e durata dei tagli alla produzione implementati a gennaio 2017.

Questo, riassumendo, è quanto dichiarato dalla International Energy Agency (IEA), organizzazione che funge da consulente in ambito di politica energetica per la maggior parte delle principali economie mondiali.

 

 

 

Il timore che i tagli alla produzione implementati da OPEC e produttori alleati non siano sufficienti a riequilibrare il mercato hanno innescato un brusco calo delle quotazioni del barile che si attesta ora nettamente al di sotto dei 50 dollari. 

Nel corso del prossimo anno si precede che la crescita mondiale della domanda salirà all’1,5% (circa 1,4 milioni di barili giornalieri) guidata dall’espansione economica di Cina ed India, con la richiesta complessiva che, nell’ultimo trimestre dell’anno venturo, supererà per la prima volta i 100 milioni di barili giornalieri.

Ancor più velocemente aumenteranno le forniture in arrivo dai produttori extra OPEC ad 1,5 milioni di barili giornalieri, di cui quasi la metà in arrivo dagli USA: il contesto appena descritto è attribuibile ad una sempre maggiore efficienza degli Shale producers a stelle e strisce.  Per ritrovare un frangente come quello appena descritto (ossia con la crescita dell’offerta extra OPEC che supera l’incremento di domanda) dobbiamo tornare al 2014, quando ebbe inizio la crisi di settore che tutti conosciamo.

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Petrolio: È la tua ultima occasione
Editoriale
Armando Madeo 20/05/2017 10:00:13
Rivedremo i prezzi del greggio sui 60 dollari al barile? leggi tutto
Petrolio in Crash: ci svegliamo o no?
Editoriale
Gabriele Picello 05/05/2017 03:00:17
Il mercato si è svegliato? Gli investitori si sono svegliati? Verrebbe ... leggi tutto
Petrolio, Venezuela: Too Big To Fail. Cina e Russia incrociano le dita
Editoriale
La Redazione 06/11/2017 07:00:08
La volontà del presidente del Venezuela Nicolas Maduro di rinegoziare il ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli