Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Warren Buffett torna a mercato. E compra a mani basse…



La Redazione Articolo pubblicato il 02/05/2022 09:00:00
“Quello che Vicki Hollub stava dicendo aveva molto senso - ha spiegato Buffett - allora ho deciso che era un buon posto dove investire: due settimane dopo avevamo il 14% dell’azienda”

 

Da anni Warren Buffett lamentava prezzi eccessivi nel mercato azionario, così elevati da impedirgli di “entrare in azione” ma, ora, Berkshire Hathaway è ufficialmente tornata a fare shopping!

La società, nel primo trimestre 2022, ha effettuato acquisti netti per 41 miliardi di dollari, incluso un aumento della sua partecipazione in Chevron Corp. che ha trasformato l'investimento nelle prime quattro partecipazioni azionarie ordinarie di Berkshire.  Buffett ha anche rivelato che la società ora detiene una partecipazione ampliata del 9,5% nelle azioni Activision Blizzard, società attiva nella produzione di videogiochi.

La società di Buffett non è mai stata così attiva dal 2008 ad oggi e proprio questa attività ha alimentato una serie di domande da parte degli azionisti nel corso della prima apparizione pubblica di Buffett dal 2019 ad oggi.

Il meeting degli azionisti è durato ore, con l'amministratore delegato e il suo socio in affari Charlie Munger che hanno discusso di mercati, armi nucleari e persino Bitcoin e sono stati raggiunti sul palco da due vice di particolare importanza, Greg Abel e Ajit Jain, che hanno risposto a domande relative ad investimenti nelle ferrovie, ad attacchi informatici ed al comparto assicurativo automobilistico (nel 2021 Abel è stato ufficialmente confermato come l’erede più probabile di Buffett nel ruolo di CEO della società).

Buffett e Munger (rispettivamente 91 e 98 anni) hanno comunque dominato la scena e nessuno dei due ha lasciato intendere di voler abbandonare l’attività a breve termine.  

La dirigenza di Berkshire Hathaway ha faticato, negli ultimi anni, nel localizzare asset ove investire il denaro della società e questo a causa della forte concorrenza degli acquirenti, comprese le società di private equity, e delle valutazioni elevate, ma la società è tornata in azione nel primo trimestre 2022 acquistando ulteriori azioni di Occidental Petroleum Corp. e stringendo un accordo per l'acquisto di Alleghany Corp. per 11,6 miliardi di dollari in contanti, tutto questo oltre ai succitati investimenti in Chevron ed Activision.

La massiccia partecipazione di Berkshire in Occidental è stata uno dei suoi maggiori acquisti nel primo trimestre e si è aggiunta ai 10 miliardi di dollari che Berkshire aveva già investito nel produttore di petrolio anni fa. Buffett ha notato che l'investimento si è concretizzato rapidamente dopo aver trascorso un fine settimana a leggere una presentazione dell'amministratore delegato Vicki Hollub: “Quello che Vicki Hollub stava dicendo aveva molto senso - ha spiegato Buffett - allora ho deciso che era un buon posto dove investire: due settimane dopo avevamo il 14% dell’azienda”.

Il sostanzioso investimento di Berkshire in Chevron durante il trimestre, combinato con il suo investimento in azioni privilegiate di Occidental, si somma ad un investimento complessivo di 40 miliardi di dollari nel settore petrolifero: questo il commento di Jim Shanahan, analista presso Edward Jones. 

Gli acquisti hanno ridotto il capitale cash di Berkshire, che ha concluso il primo trimestre a 106 miliardi di dollari, il più basso dal terzo trimestre 2018.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli