Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Venezuela: gli USA alla conquista del Petrolio di Maduro
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 07/02/2019 08:00:45
Michele Marsiglia, presidente della FederPetroli Italia, ci spiega cosa sta realmente accadendo in Venezuela...

 

Michele Marsiglia, Presidente di Federpetroli Italia ci spiega cosa succede dietro la cronaca venezuelana: “Situazione simile a Usa-Iraq nell’era di Saddam Hussein”, “più petrolio venezuelano in America con percorso obbligato: come se gli Stati Uniti acquistano greggio a prezzo scontato, imponendo le sanzioni su altri

I principali Paesi dell’Unione Europea hanno riconosciuto oggi la legittimità di Juan Guaidò, il Presidente dell’Assemblea nazionale del Venezuela che lo scorso 23 gennaio si era autoproclamato Presidente. Guaidò aveva da subito ottenuto il riconoscimento degli Stati Uniti, mentre l’Europa aveva chiesto a Maduro di convocare entro una settimana delle elezioni democratiche. L’ultimatum è scaduto. E la gran parte dei Paesi europei (Francia, Regno Unito, Spagna, Germania -che ha già annunciato 5 milioni di euro in aiuti umanitari-, Austria, Svezia, Danimarca, Olanda, Lettonia, Lituania, Polonia, Portogallo, Paesi Bassi) hanno riconosciuto  Guaidò.
L’Italia ufficialmente non ha espresso una posizione. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricordato che  «quella del Venezuela è una condizione particolarmente rilevante anche per l’Italia perché il legame tra Italia e Venezuela è strettissimo, per i tanti italiani che vivono in Venezuela e per i tanti venezuelani di origine italiana»,  e quindi  «questa condizione ci richiede senso di responsabilità e chiarezza su una linea condivisa con tutti i nostri alleati e tutti i nostri partner dell’Unione europea», parole chiaramente riferite al Governo, nel contesto del quale la Lega punta al riconoscimento di Guaidò, il M5S con esponenti di punta come Alessandro Di Battista punta su Maduro, il vice Presidente del Consiglio pentastellato Luigi Di Maio e il premier Giuseppe Conte ufficialmente non prendono posizone, per tanto il Governo è diviso . D’altronde, prosegue Mattarella,  «nella scelta che si propone non vi può essere né incertezza né esitazione: la scelta tra volontà popolare e richiesta di autentica democrazia da un lato, e dall’altro la violenza della forza e le sofferenze della popolazione civile». Indicazione di Mattarella che più chiara di così non si può.

Maduro, ha annunciato in queste ore che: «Ho inviato una lettera a Papa Francesco, spero che sia in viaggio o che sia arrivata a Roma, al Vaticano, dicendo che io sono al servizio della causa di Cristo. E con questo spirito gli ho chiesto aiuto, in un processo di facilitazione e di rafforzamento del dialogo, come direzione». Si vedrà nelle prossime ore come il Vaticano potrà rispondere.

Stati Uniti, Canada, Australia e alcuni Paesi dell’America Latina avevano già riconosciuto  Guaidò quasi contemporaneamente alla sua autoproclamazione e al via, il 27 gennaio, delle nuove sanzioni USA, le più dure mai messe in atto: sanzioni contro la società petrolifera statale venezuelana Pdvsa, con il blocco di sette miliardi di asset.

E proprio sullaquestione petrolio conviene puntare l’attenzione. La questione è centrale nella vicenda venezuelana, e non solo per il Venezuela, ma per l’intera galassia petrolifera e per gli equilibrii di potere che vi ruotano attorno e di fatto incidono sull’equilibrio internazionale. Di questo abbiamo discusso con Michele Marsiglia, Presidente di Federpetroli Italia, un attento osservatore da sempre delle questioni politiche internazionali legate al petrolio, una voce per nulla ‘mainstream’, uno che di se stesso dice, in questa intervista, “Ormai il vestito sartoriale cucito sul sottoscritto è risaputo. Quello che Marsiglia ha sempre appoggiato i dittatori con Mahmud Ahmadinejad in Iran, Saif al-Islam Gheddafi in Libia e in questi ultimi giorni ho letto di essere un pro Maduro”. Marsiglia ha dalla sua la capacità di spiegare chiaramente e senza ipocrisie, con la lucidità pragmatica del manager quanto sta dietro la cronaca. E anche questa volta non si smentisce.

Presidente, cosa succederà sullo scenario petrolifero internazionale dopo le ultime sanzioni USA contro Pdvsa (Petróleos de Venezuela)?

Succede che gli equilibri energetici internazionali stanno cambiando e, questo è un altro segnale chiaro e preciso. Stiamo assistendo, vedi in primis il caso Qatar  a delle alleanze politiche strategiche che utilizzano il petrolio per affermare la propria supremazia politica. Gli scenari stanno cambiando rapidamente, ed è proprio questa la difficoltà a cui le aziende ed i mercati devono far fronte.

Sul Venezuela queste sanzioni quanto e come peseranno e cosa potrà significare?

Significa: Destabilizzazione, almeno in una fase iniziale. Un Paese che vive per il 92 per cento sulle proprie risorse energetiche, entra in una fase di default automatico. Non c’è solo un discorso sanzione, ma la cosa più importante e, da non sottovalutare, è che il Venezuela possiede la risorsa mineraria, ma gran parte delle strutture strategiche di raffinazione sono collocate in altri Paesi. Produttori ma non raffinatori finali. Questo è un po’ la situazione di 40 anni fa del Medio Oriente, surplus di risorsa mineraria ma poche infrastrutture, segno di elevata difficoltà industriale e dipendenza commerciale esterna.

E’ il colpo che farà affondare il Venezuela?

Immaginare un Paese come il Venezuela o dell’America Latina che affonda, non mi sentirei di dirlo, anche perché più volte abbiamo visto che nelle situazioni di difficile congiuntura, solitamente, è sempre arrivato un altro Stato a tendere la mano. Dove c’è petrolio c’è vita ….ed interesse di tutti, stiamo parlando di uno Stato che vive di esportazione energetica. Sicuramente la situazione interna, se non si arriva ad un accordo politico, subirà dei momenti poco belli, ma non dimentichiamo che è anche un Paese dove da oltre 50 anni vige un sistema economico interno non sempre parallelo alla reale ricchezza delle risorse naturali dello Stato.

Guardiamo agli USA. Ci pare di capire che le sanzioni colpiranno le raffinerie della Costa del Golfo degli Stati Uniti che dipendono dal petrolio venezuelano. Ci faccia capire: cosa succederà e come e quanto saranno colpiti gli USA da queste loro sanzioni?

Come accennavo prima, la manovra degli USA è chiara: puntando alle sanzioni nei confronti di uno Stato, ed avendo le strutture strategiche di lavorazione del prodotto, ovvero le infrastrutture più importanti, puntano a minimizzare il costo della materia prima con le sanzioni e sfruttare e massimizzare i guadagni sulla raffinazione (suolo USA) con tassazione americana. L’America intavola questo gioco al massacro: se vuoi lavorare con me, non puoi acquistare dal Venezuela e viceversa. In questo modo visto l’interesse commerciale per gli Usa, ci sarà chi tenderà a lavorare con gli Stati Uniti e rinunciare al Venezuela. Il greggio dovrà sempre arrivare alla lavorazione nelle raffinerie in America, ma c’è ne sarà molto di più, avendo rinunciato qualcuno per colpa delle sanzioni. Risultato: più petrolio venezuelano in America con percorso obbligato. E’ come se gli Stati Uniti acquistano greggio a prezzo scontato, imponendo le sanzioni su altri. In questo modo il Venezuela, se non con un soccorso esterno di un Paese Big, dovrà giocare le ultime carte e, quindi un accordo politico tra Nicolàs Maduro e Juan Guaidò, dove ancora a livello internazionali non si capisce chi e, con chi sta. Le raffinerie non verranno colpite, verrà colpita la risorsa mineraria interna in uscita ed i Paesi che decideranno di operare anche con un regime di sanzioni. Stiamo assistendo ad una simile situazione Usa-Iraq nell’era di Saddam Hussein, anche se ancora non è scattato l’intervento militare da parte Stati Uniti.

 Gli investimenti cinesi programmati come ne risentiranno e quale destino avranno nel caso Maduro cada?

Una dichiarazione di qualche giorno fa del portavoce del Ministero degli Esteri cinese Geng Shuang ha affermato che la Cina continuerà a cooperare con il Venezuela, nonostante le sanzioni statunitensi. Due Paesi che sono partner commerciali da tanto tempo ed hanno affrontato insieme tante situazioni. Gli investimenti delle aziende che operano con il Venezuela stanno già avendo un effetto negativo, in queste situazioni non può essere diversamente. Quello che noi stiamo analizzando è la possibilità di nuovi investimenti, dove sono stati già approvati dei piani di stand-by su nuove operazioni economiche e di investimento infrastrutturale.

 Guaidó come gestirà il settore petrolifero, a partire da Citgo e PDVSA?

Si conosce il personaggio Maduro, ma non si conoscono la politica, la strategia industriale e le relazioni internazionali di Guaidò. L’unico punto che si può sottoscrivere è che è un ‘dipendente’ della Casa Bianca, ma gli operatori economici internazionali non stanno valutando positivamente questo fattore, e neanche le aziende petrolifere.

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Petrolio e Venezuela: questo è quello che succederà per davvero…
Editoriale
La Redazione 17/02/2019 10:00:10
Le sanzioni USA contro il Venezuela lasceranno il mercato petrolifero a ... leggi tutto
Cacao, speciale Venezuela: la nuova Peste? È il governo!
Editoriale
La Redazione 06/01/2019 10:00:26
I coltivatori di Cacao del Venezuela temono il diffondersi di una ... leggi tutto
Venezuela: tutto l’Oro di Maduro. E la mafia…
Editoriale
La Redazione 03/02/2019 10:00:52
20 Tonnellate di Oro sono stoccate in un caveau di Caracas, ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli