Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: quando diventerà un rischio per l’economia?



La Redazione Articolo pubblicato il 10/11/2022 09:00:00
Birol ha affermato che i funzionari dei paesi in via di sviluppo che hanno partecipato alla conferenza sul clima hanno indicato gli alti prezzi del petrolio come motore dell’inflazione

 

Nella sessione di ieri il prezzo del petrolio Brent si attestava a ridosso dei 93 dollari per barile ma, come ha spiegato Giancarlo Dall’Aglio in una recente analisi, il prezzo del barile ha tutte le carte in regola per raggiungere prezzi ben più elevati, ma il prezzo del barile potrebbe salire sino a divenire un vero rischio per l’economia globale?

A rispondere a questa domanda troviamo Fatih Birol, direttore esecutivo della Internationl Energy Agency (IEA), che afferma senza mezzi termini che un barile a 100 dollari rappresenta un vero e proprio problema per l’economia globale.

La International Energy Agency riveste un ruolo di estremo rilievo nel mercato petrolifero e le dichiarazioni in arrivo dall’agenzia determinano, in alcuni casi, forti oscillazioni di prezzo che possono essere sfruttate per realizzare ottimi guadagni, esattamente come ci spiega Giancarlo Dall’Aglio nei suoi corsi: clicca su questo link per scaricare il materiale gratuito.

Nelle sue dichiarazioni, Birol afferma anche di essere particolarmente sorpreso dalla decisione della OPEC+ di ridurre la produzione, in quanto, in passato, la coalizione ha sempre preso provvedimenti atti a calmare il mercato: “Questa decisione - spiega Birol - potrebbe esercitare un'ulteriore pressione al rialzo sull'inflazione e indebolire l'economia globale”.

La OPEC+, lo ricordiamo, ha deciso di ridurre la produzione di 2 milioni di barili giornalieri nel meeting del 5 ottobre ed ora la coalizione si riunirà nuovamente nella giornata del 4 dicembre per valutare la situazione del mercato.

Birol ha affermato che i funzionari dei paesi in via di sviluppo che hanno partecipato alla conferenza sul clima hanno indicato gli alti prezzi del petrolio come motore dell’inflazione.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli