Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: pronto un nuovo rilascio dalla SPR USA



La Redazione Articolo pubblicato il 15/06/2022 12:00:00
I funzionari dell'amministrazione Biden hanno affermato che il prezzo del petrolio potrebbe essere più alto se l'SPR non fosse stata sfruttata, ma la strategia intrapresa dagli USA...

 

Il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti ha dichiarato di essere pronto a piazzare a mercato  fino a 45 milioni di barili di petrolio prelevato dalla Strategic Petroleum Reserve (SPR) come parte del rilascio dalle scorte precedentemente annunciato dall’amministrazione Biden; le consegne di greggio inizieranno nella giornata del 16 agosto e termineranno a fine settembre.

L'amministrazione Biden ha dichiarato alla fine di marzo che avrebbe rilasciato un record di 1 milione di barili di petrolio al giorno per sei mesi dall’SPR, la riserva strategica statunitense custodita in caverne di sale lungo le coste di Texas e Louisiana.

Il rilascio del petrolio in oggetto ha come obiettivo il mantenere sotto controllo le quotazioni del greggio, quotazioni in forte aumento a causa del conflitto in corso tra Russia ed Ucraina, con la prima che si propone tra i principali produttori di petrolio al mondo e che, ora, subisce il contraccolpo delle sanzioni occidentali.

Il recupero delle economie globali dopo la pandemia di covid ha determinato un forte aumento della domanda di oro nero che si è tradotto in un picco di prezzo del petrolio in un contesto contraddistinto da una capacità inutilizzata di riserva a disposizione di pochi produttori globali.

I funzionari dell'amministrazione Biden hanno affermato che il prezzo del petrolio potrebbe essere più alto se l'SPR non fosse stata sfruttata, ma la strategia intrapresa dagli USA ha anche condotto il livello della SPR al minimo dal 1987 ad oggi, aumentando le preoccupazioni per la stretta sui mercati petroliferi globali nonostante gli Stati Uniti abbiano più scorte di quanto richiesto dagli accordi internazionali.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli