Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: la produzione OPEC accelera con la Libia
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 07/01/2021 18:00:00
Secondo Carsten Fritsch, analista presso Commerzbank, il taglio aggiuntivo implementato dai sauditi impedirà al mercato di scivolare in una condizione di eccesso di offerta, condizione che, diversamente, si sarebbe senza dubbio verificata.

 

Nel mese di dicembre la produzione di petrolio OPEC è aumentata per il sesto mese consecutivo grazie all’amplificarsi della produzione della Libia e ad alcuni aumenti di entità minore messi a segno da altri produttori membri del Cartello: questo è quanto si evince da un recente sondaggio condotto da Reuters.

L’indagine in oggetto ha rivelato che i 13 produttori che rappresentano il Cartello hanno pompato, nel mese di dicembre, quasi 25,6 milioni di barili giornalieri di greggio, volume che corrisponde ad un aumento di 280000 barili giornalieri rispetto al mese di novembre.

Grafico Brent by Tradingview

La produzione OPEC potrebbe aumentare ulteriormente nel mese di gennaio, anche se sarà necessario osservare l’impatto delle decisioni prese dalla OPEC+ in termini di gestione della produzione (l’Arabia Saudita ha deciso di ridurre la produzione, gli altri membri OPEC che aderiscono alla strategia produttiva basata sui tagli alla produzione rimarranno fermi ai livelli attuali, mentre, in ambito OPEC+, Russia e Kazakistan potranno aumentare lievemente il loro output).

Secondo Carsten Fritsch, analista presso Commerzbank, il taglio aggiuntivo implementato dai sauditi impedirà al mercato di scivolare in una condizione di eccesso di offerta, condizione che, diversamente, si sarebbe senza dubbio verificata.

Nel mese di dicembre il maggior apporto, in termini di produzione, è stato dato dalla Libia, il cui output è aumentato grazie alla fase di tregua che sta vivendo il paese (la Libia, proprio in virtù della grave situazione interna non è oggetto di limiti alla produzione); in calo la conformità complessiva del Cartello, che scende al 99% nel mese di dicembre contro il 102% del mese di novembre.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli