Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, l’Iran avverte: il tempo sta per scadere…



La Redazione Articolo pubblicato il 16/06/2021 09:00:00
La Germania ha affermato che le parti in causa stanno facendo tutto il possibile per mediare un accordo e che tutti i partecipanti ai colloqui dovranno mostrare sufficiente flessibilità e pragmatismo.

 

Teheran aumenta la pressione e avverte che il tempo per rilanciare l’accordo sul nucleare sta per scadere, e questo in virtù di negoziati che procedono a passo di lumaca e non si mostrano risolutivi in merito alla maggior parte dei punti chiave.

Ad onor del vero l’Iran non si presenta certo come un esempio di trasparenza e capacità comunicativa in quanto Saeed Khatibzadeh, portavoce del ministero degli Esteri iraniano, ha affermato, nei giorni passati, che una bozza di accordo esiste, anche se rimangono questioni tecniche, politiche, legali e pratiche da risolvere: potrebbe sembrare un quadro migliore di quanto lascino intendere le dichiarazioni più recenti citate in apertura, peccato non sia dato sapere quali siano queste questioni da risolvere che tanto stanno a cuore a Khatibzadeh, questioni così importanti da impedire il raggiungimento di un accordo definitivo.

Saeed Khatibzadeh, portavoce del ministero degli Esteri iraniano

I mercati petroliferi stanno osservando da vicino l’evolversi della situazione nella repubblica islamica e sono ansiosi di sapere quando - e se… - il greggio iraniano tornerà a mercato e, soprattutto, sono ansiosi di conoscere l’entità del margine di manovra che Washington concederà a Teheran.

In questo contesto il Brent ha ampiamente superato i 73 dollari per barile estendendo al 42% circa il guadagno su base annua, una performance resa possibile - anche - proprio dalla lentezza dei negoziati: “Un altro giro di colloqui richiederà tempo - afferma Robin Mills, CEO di Qamar Energy - un accordo comporterà una serie di passaggi relativi alla conformità ed alla revoca delle sanzioni e nessuna delle parti in causa vuole rinunciare alla leva di cui attualmente dispone”.

Nella giornata di sabato 12 giugno 20121 il negoziatore principale dell’Iran, Abbas Araghchi, ha spiegato che vi sono scarse probabilità che un accordo sia raggiunto prima delle elezioni presidenziali di venerdì che dovrebbero vedere l’attuale presidente Hassan Rouhani abbandonare il suo ruolo dopo due mandati.

L’opinione comune vede Ebrahim Raisi alla guida dell’Iran, un elemento fortemente religioso e riluttante a qualsiasi accordo con gli USA.

La Germania ha affermato che le parti in causa stanno facendo tutto il possibile per mediare un accordo e che tutti i partecipanti ai colloqui dovranno mostrare sufficiente flessibilità e pragmatismo.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli