Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: l’Arabia Saudita ne ha abbastanza! I bari non sono più tollerati
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 03/12/2019 08:00:15
Allo stato attuale non è chiaro se le parole del principe Abdulaziz bin Salman siano un semplice monito o rappresentino una vera inversione di rotta...

 

Nel corso del 2019 l’Arabia Saudita ha sempre tollerato i produttori che non hanno rispettato gli accordi di Vienna e, come noto, ha ridotto la produzione più del necessario proprio al fine di compensare la carenza di conformità degli altri appartenenti al gruppo OPEC+, ma ora il Regno non intende più portare avanti questo modus operandi: questo è quanto dichiara il ministro dell’energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, in vista del meeting di Vienna che si terrà nelle giornate del 5 e 6 dicembre.

La volontà di tollerare la carenza di conformità di alcuni produttori è una strategia implementata dall’ex ministro dell’energia Khalid al Falih, una strategia che imponeva di “fare tutto il necessario” al fine di sostenere l’equilibrio del mercato.

In numerose occasioni l’ex ministro al Falih ha richiesto una maggior conformità agli altri produttori, ma, quando questo non si è verificato, non ha esitato ad accollarsi il peso di ulteriori tagli alla produzione nazionale atti, come abbiamo visto in precedenza, a compensare le carenze altrui in termini di tagli alla produzione di petrolio.

Allo stato attuale non è chiaro se le parole del principe Abdulaziz bin Salman siano un semplice monito o rappresentino una vera inversione di rotta, anche se alcune fonti vicine agli ambienti reali affermano che si tratta semplicemente di una sorta di mantra che il ministro dell’energia saudita va ripetendo al fine di rendere maggiormente efficaci i tagli alla produzione stimolando la conformità dei membri OPEC+ che presentano carenze in questo senso.

La carenza di conformità agli accordi sui tagli alla produzione è un fenomeno diffuso tra i membri della OPEC+: l’Iraq, ad esempio, dovrebbe pompare non oltre i 4,51 milioni di barili giornalieri di petrolio, ma l’output attuale ammonta a 4,8 milioni di barili, e lo stesso vale per il Kazakhstan (1,95 milioni di barili giornalieri prodotti contro un massimo consentito di 1,86 milioni) e per la Nigeria (1,8 milioni di barili giornalieri prodotti contro un massimo consentito di 1,68 milioni); anche la Russia, teoricamente una stretta collaboratrice del Regno, non ha rispettato gli accordi, e solo in tre mesi del 2019 (maggio, giugno e luglio) si è mostrata conforme agli accordi, ma non per volontà propria, in quanto la contrazione produttiva in oggetto è imputabile agli eventi che hanno interessato una ingente partita di petrolio contaminato che ha interrotto i flussi verso l’Europa.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli