Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio. È morto l’ultimo guerriero del Cartello: questa è la sua storia!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 21/05/2020 08:00:00
“Ho difeso gli interessi dell’Iran con il petrolio a 6 dollari per barile come quando era a 126 dollari, e se l'Iran ha avuto successo a livello internazionale settore energetico, io sono stato uno dei principali artefici di questo successo, non dimenticatelo!”

 

È sopravvissuto ad un bombardamento anche se gravemente ferito, ha combattuto contro le accuse di traffico di armi ed ha difeso gli interessi dell’Iran in un contesto connotato da scontri militari e sanzioni: stiamo parlando di Hossein Kazempour Ardebili, negoziatore OPEC per eccellenza cha ha lasciato questo mondo nella giornata di sabato 16 maggio 2020.

Hossein Kazempour Ardebili

Kazempour, definito dalla stampa internazionale come un uomo scaltro, affascinante e determinato, è stato l’inviato dell’Iran presso l’OPEC quasi ininterrottamente dal 1985 ad oggi, ed è stato una presenza costante nel settore petrolifero internazionale superando qualsiasi cambio al potere: poco importa se al potere vi fosse il presidente riformista Mohammad Khatami od uomo determinato a seguire la linea dura come Mahmoud Ahmadinejad, perché Kazempour era sempre li, pronto a giocare il tutto per tutto per difendere gli interessi di Teheran.

“Ho difeso gli interessi dell’Iran con il petrolio a 6 dollari per barile come quando era a 126 dollari, e se l'Iran ha avuto successo a livello internazionale settore energetico, io sono stato uno dei principali artefici di questo successo, non dimenticatelo!”: questo un famoso commento di Kazempour - che di certo non faceva della modestia un cavallo di battaglia - rilasciato durante un'intervista al quotidiano statale Hamshahri nel 2008.

Kazempour, formatosi negli Stati Uniti prima della Rivoluzione iraniana, non ha mai rivestito la carica di ministro del petrolio, in fin dei conti non era uno specialista nel settore petrolifero, ma un abile diplomatico che, in patria, alcuni consideravano addirittura troppo vicino all’occidente.

Deceduto a 68 anni a causa di un’emorragia cerebrale, Kazempour era noto per essere un negoziatore estremamente determinato: nel 2018, durante un meeting OPEC a Vienna, i toni si accesero quando l’Arabia Saudita affermò che Teheran aveva aumentato troppo la produzione, ragion per cui era giunto il momento, per l’Iran, di iniziare a tagliare l’output: a quel punto, in un gesto che lo rese famoso, il braccio di Kazempour si sollevò, la parola venne data al diplomatico iraniano, e questi affermò senza mezzi termini che se qualcuno stava inondando il mercato di greggio, si trattava del nemico storico della repubblica islamica, ossia l’Arabia Saudita; Kazempour rimase impassibile sulle sue posizioni, la discussione continuò e Teheran ebbe la meglio

 

A seguire - Le bombe contro Kazempour


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli