Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, Shale Oil: la festa sta per finire. Lo dice il Papa!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 08/11/2019 08:00:21
Il “Papa” ed un altro grande esperto di settore non hanno dubbi: i giorni d’oro dello shale oil stanno per finire…

 

Il Papa ci parla di petrolio direttamente dallo stato del Vaticano? No, non è proprio così, ma sempre di Papa, si tratta, solo che il nostro di nome fa Mark ed è accompagnato, nel suo discorso, non da alti prelati, ma da Scott Sheffield, CEO di una importantissima società petrolifera.

Sheffield e Papa sono decisamente chiari nelle loro dichiarazioni e non esitano a dire che i giorni della crescita incessante della produzione shale statunitense sono prossimi alla fine, un contesto produttivo che di sicuro sarà ben accolto da OPEC e produttori alleati che, come ben sappiamo, stanno lottando al fine di drenare un’offerta che rimane senza dubbio elevata.

Scott Sheffield, CEO di Pioneer Natural Resources, dipinge particolarmente bene il quadro della situazione, e spiega come gli investitori stiano chiedendo ai produttori di fermare le attività dei rigs al fine di limitare le spese, una richiesta che verrà accolta e che determinerà un calo della produzione shale statunitense nel corso del 2020 ed un aumento nelle quotazioni del greggio.

“A lungo termine non credo che la OPEC debba temere la crescita della produzione shale negli Stati Uniti, e sicuramente sa crescendo l’ottimismo sul fatto che ci troviamo nella parte inferiore del ciclo di prezzi del petrolio” (S. Sheffield).

Gli investitori stanno giocando un ruolo di estremo rilievo, con le loro pressioni sulle società, pressioni che le aziende sono state costrette ad accogliere, e questo risulta evidente nelle comunicazioni in arrivo dai grandi players di settore come Occidental Petroleum, Apache, Cimarex Energy e Pioneer, che hanno, all’unisono, segnalato la volontà di ridurre le spese (una stima di Cowen & Co indica che la spesa degli esploratori, nel 2020, sarà inferiore del 17% rispetto a quella dell’anno in corso).

Mark Papa, creatore di EOG Resources ed ora gestore di Centennial Resource Development, ci parla di una situazione simile ormai da febbraio, e, nei giorni passati, è nuovamente tornato a suonare il campanello d’allarme, affermando che il calo produttivo potrebbe essere persino più drastico di quanto ci si attendesse in prima battuta.

 

A seguire - I numeri di Mark Papa


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli