Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: OPEC ed alleati hanno un altro problema…
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 13/10/2020 08:00:00
“La Libia si sta riprendendo più velocemente del previsto, e volumi più elevati in termini di export possono rappresentare un problema per la OPEC+ che attualmente è già alle prese con una domanda debole in un contesto che vede intensificarsi la diffusione del COVID 19” (Bill Farren-Price, direttore della società di analisi energetica Enverus).

 

La Libia ha compiuto un passo importante verso il rilancio della sua malconcia industria petrolifera riaprendo il suo giacimento più grande, e questo rappresenta senza dubbio un problema per una OPEC+ impegnata a ridurre la fornitura globale.

La controllata statale libica National Oil Corp. ha revocato la forza maggiore sul giacimento occidentale di Sharara ed ha incaricato il suo operatore di riprendere la produzione: inizialmente si tratterà di una produzione minima (40000 barili giornalieri), ma già dalla prossima settimana è previsto un balzo a circa 300000 barili giornalieri, un  volume che raddoppierebbe l’attuale produzione della nazione portandola a circa 600000 barili giornalieri.

La riapertura del giacimento di Sharara è diretta conseguenza della tregua che ha interrotto la lunga guerra civile libica portando alla riattivazione di numerosi giacimenti petroliferi e terminal nella parte orientale del paese.

I funzionari della NOC non hanno tuttavia menzionato il vicino giacimento di El Feel: il giacimento in oggetto da 70000 barili giornalieri, solitamente, replica l’andamento di Sharara, in quanto da questo dipende per la fornitura di energia elettrica.

 

Un problema per la OPEC+

La Libia, membro OPEC+, ospita le più grandi riserve di greggio dell’Africa, ma è esente dai recenti tagli alla produzione a causa della delicata situazione interna.

Il gruppo misto di produttori prevede di allentare ulteriormente i tagli alla produzione a partire dal mese di gennaio 2021, ma la recrudescenza della pandemia di coronavirus potrebbe costringere la OPEC+ a rivedere la tabella di marcia.

 

Continua nella pagina successiva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli