Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC e alleati non pompano abbastanza: obiettivo mancato!



La Redazione Articolo pubblicato il 21/10/2021 18:00:00
Se i prezzi non dovessero cambiare direzione, la prossima riunione dell'OPEC+ del 4 novembre potrebbe aver luogo con una maggiore pressione politica da parte dei consumatori

 

L'OPEC e i suoi alleati ancora una volta non sono riusciti a pompare abbastanza petrolio per raggiungere i loro obiettivi di produzione, esacerbando il deficit di offerta mentre il mondo si riprende dalla pandemia di coronavirus: secondo alcune fonti locali intervistate da Bloomberg, la OPEC+ ha ridotto la sua produzione del 15% più del previsto a settembre, rispetto al 16% di agosto e al 9% di luglio.

Ciò riflette l'incapacità di alcuni membri, tra cui Angola, Nigeria e Azerbaigian, di aumentare la produzione ai volumi concordati a causa della mancanza di investimenti, esplorazione e altri problemi. In teoria, l'OPEC+ avrebbe potuto pompare 747000 barili in più al giorno a settembre e rimanere entro il limite di produzione concordato.

Sotto pressione

La OPEC+ ha subito - e sta subendo - forti pressioni da parte dei principali consumatori di petrolio affinché acceleri il ritmo degli aumenti della produzione di greggio e queste pressioni hanno raggiunto il livello più elevato quando la crisi energetica ha attinto l’Europa facendo schizzare alle stelle il prezzo dell’energia.

Il Brent ha raggiunto il livello più alto dall'ottobre 2014 poiché alcuni produttori di energia sono passati al petrolio, di pari passo con la ripresa globale, ed anche la domanda asiatica di greggio statunitense è in aumento poiché la crisi energetica fa aumentare i prezzi di altre qualità rispetto al benchmark globale Brent.

L'ultima pressione è arrivata dal primo ministro giapponese Fumio Kishida che lunedì ha esortato i produttori ad aumentare la produzione di fronte al recente aumento dei prezzi. Ha aggiunto che il suo governo sta osservando l'andamento dei prezzi nel mercato per valutarne l'impatto sulle industrie nazionali.

Se i prezzi non dovessero cambiare direzione, la prossima riunione dell'OPEC+ del 4 novembre potrebbe aver luogo con una maggiore pressione politica da parte dei consumatori.

L'incontro coinciderà anche con i colloqui sul clima della COP26 a Glasgow. Con i leader mondiali che si riuniscono per ottenere promesse più ambiziose dai governi e dalle imprese globali per evitare una catastrofe climatica, l'attenzione sul gruppo di produttori sarà ancora maggiore.

 

Fonte Bloomberg

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli