Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC: se perdiamo la Russia sarà una tragedia!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 29/04/2019 11:25:57
Compensare il calo della fornitura di greggio iraniana è senz’altro difficile per l’OPEC, ma se perdiamo la Russia, allora sarà impossibile!

 

Il presidente degli Stati uniti Donald Trump vuole letteralmente annientare le esportazioni di greggio dell’Iran e, al contempo, mantenere i prezzi dei carburanti bassi al fine di agevolare i consumatori americani: si trattava, sino ad ora, di un’impresa complicata, ma non impossibile, ma la recente scoperta della contaminazione del Petrolio russo potrebbe rendere la stessa impresa praticamente impossibile.

Nel mese di aprile Trump ha deciso di non rinnovare le deroghe alle sanzioni contro Teheran e questo ha innescato un aumento delle quotazioni del greggio in un momento in cui i prezzi della benzina si mostravano già in ascesa a livelli pericolosamente simili a quelli del momento clou della driving season che, come ben sappiamo, non è ancora iniziata.

La retorica di Washington non è per nulla incoraggiante ed i prevedibili tentativi di far approvare esenzioni “last minute” potrebbe finire in un nulla di fatto, in quanto concedere deroghe quando si era gridato a gran voce che non ve ne sarebbero più state potrebbe tradursi in un vero e proprio problema per la credibilità dell’amministrazione Trump.

Di sicuro, tuttavia, sappiamo che almeno tre degli otto paesi che in precedenza godevano delle deroghe non ne faranno nuovamente richiesta: si tratta di Italia, Grecia e Taiwan, che non ne hanno mai approfittato.

In ballo anche Cina e Turchia, che hanno sempre criticato l’azione unilaterale di Washington contro Teheran, ma non è ben chiaro sino a che punto siano disposte a sfidare le richieste USA.

Nel caso della Cina dobbiamo tenere in considerazione la questione della guerra commerciale: un accordo entro giugno, secondo alcuni analisti, potrebbe essere possibile, ed impuntarsi sulla questione iraniana  potrebbe essere fonte di sgraditi ritardi nell’intero processo.

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Petrolio e Venezuela: questo è quello che succederà per davvero…
Editoriale
La Redazione 17/02/2019 10:00:10
Le sanzioni USA contro il Venezuela lasceranno il mercato petrolifero a ... leggi tutto
Petrolio: e se arrivasse a 100 dollari?
Editoriale
La Redazione 01/05/2019 10:00:01
Cosa succederebbe all’economia globale se il Petrolio dovesse arrivare a 100 ... leggi tutto
Petrolio: la crisi del greggio russo contaminato non è come credete. È una tragedia…
Editoriale
La Redazione 27/05/2019 08:00:46
La crisi indotta dal Petrolio russo contaminato impensierisce i mercati? È ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli