Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, OPEC: è ora di abbandonare la nave dei tagli?
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 17/07/2017 07:00:57
La strategia OPEC è stata condannata sin dall’inizio; tutto si basa sullo Shale e sarà meglio che lo capiscano in fretta

 

Al termine del 2016 l’OPEC ed i suoi alleati hanno presentato al mondo intero il loro piano per riportare il mercato in equilibrio, un piano che vede alla base una significativa contrazione produttiva in grado - almeno questo è quello che si pensa… - di abbattere il surplus sostenendo al contempo i prezzi del barile: le quotazioni hanno reagito bene, ve lo ricorderete anche voi il bel rialzo al di sopra dei 50 dollari, ma poi qualcosa è cambiato e le attese degli analisti su un protrarsi del rally sono state disattese.  Ora, con la strategia che sembra non restituire i risultati sperati, un istituto di credito sostiene che Cartello ed alleati dovrebbero decidersi a porre fine a quanto attuato in precedenza: sostanzialmente, si parla di far saltare gli accordi di Vienna (i fondamentali senza segreti? Scarica i video di Giancarlo Dall’Aglio).

L’ondata di downgrade alle previsioni di prezzo del barile è stata a dir poco imbarazzante e molti istituti di credito hanno ormai dichiarato apertamente l’inefficacia dell’azione di OPEC ed alleati nel loro intento di eliminare l’eccesso di offerta globale; Goldman, Bank of America, Citigroup: nessuno vuol più scommettere su un successo del Cartello, tutti hanno cambiato idea…  Solo Eugen Weinberg (Commerzbank) è rimasto fedele alla sua idea originale, ma per lui è stato facile, in fin dei conti già dall’inizio Weinberg metteva in guardia gli investitori sul fatto che l’azione OPEC si sarebbe tradotta in un fallimento!

“La strategia OPEC è stata condannata sin dall’inizio - spiega Weinberg - tutto si basa sullo Shale e sarà meglio che lo capiscano in fretta”.

Nel mese di dicembre 2016 i principali istituti di credito parlavamo di un barile a 60 dollari o più entro fine 2017, ma già all’epoca Commerzbank forniva una “view contrarian” che prevedeva un Petrolio a 50 dollari.

“I tagli alla produzione imposti dall’OPEC innescheranno un rapido aumento della produzione di greggio degli Stati Uniti”: questo scriveva Weinberg nella giornata dell’8 dicembre 2016 e da allora l’output statunitense ha iniziato a salire raggiungendo i livelli più elevati degli ultimi due anni ed ora è “in pista” per registrare un nuovo record.

 

A seguire - Abbandonare la nave



Potrebbero interessarti anche...
Il Petrolio fa Boom! La fornitura continua a diminuire
Materie Prime
La Redazione 10/01/2018 07:00:18
Nella sessione di ieri il i prezzi del Petrolio hanno raggiunto ... leggi tutto
Petrolio: la peggior settimana dal 2016
Materie Prime
La Redazione 12/02/2018 07:00:36
Il Petrolio non archiviava una settimana così ribassista dal 2016: lo ... leggi tutto
Petrolio: il mercato migliore per i Tori
Materie Prime
La Redazione 05/01/2018 18:00:28
La forza del mercato petrolifero non è mai stata così elevata ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli