Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio, IEA: l’utilizzo della plastica guiderà la domanda per altri 30 anni
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 11/10/2018 12:00:27
L’utilizzo di plastica ed altri prodotti petrolchimici guiderà la domanda di Petrolio fino al 2050: l’analisi della International Energy Agency

 

L’utilizzo di plastica ed altri prodotti petrolchimici guiderà la domanda di Petrolio fino al 2050 compensando un consumo di carburanti in fase di rallentamento: questo è quanto affermano gli analisti della IEA (International Energy Agency) in un recente report.

A fronte degli sforzi dei governi volti ad abbattere l’inquinamento e le emissioni nocive derivanti dall’utilizzo di Petrolio e Gas, spiega l’agenzia, si presenterà una rapida crescita delle economie emergenti come India e Cina in grado di sostenere la richiesta di prodotti petrolchimici che saranno trasformati in una vasta gamma di oggetti, dalle bottiglie di plastica, ai prodotti di bellezza ai fertilizzanti per arrivare addirittura agli esplosivi.

La richiesta di greggio in arrivo dal settore dei trasporti dovrebbe diminuire entro il 2050 a seguito dell’incremento di veicoli elettrici e motori maggiormente efficienti, ma la richiesta in arrivo dal settore petrolchimico, almeno secondo gli analisti della IEA, è destinata a colmare il gap di richiesta che verrà a crearsi.

Fatih Birol, direttore esecutivo dell’agenzia con sede a Parigi, ha le idee ben chiare in merito a quello che potrebbe accadere, e dichiara: “Il settore petrolchimico è uno dei punti ciechi nel dibattito energetico globale e non vi è dubbio che sarà il motore della crescita della domanda di Petrolio per molti anni a venire”.

Fatih BIrol, direttore esecutivo della IEA

Le stime della IEA indicano che la domanda in arrivo dal settore petrolchimico peserà per oltre un terzo della crescita globale della richiesta di Petrolio da qui al 2030, mentre nel 2050 si parlerà di ben il 50%.

La domanda di prodotti petrolchimici ha pesato per 12 milioni di barili giornalieri nel corso del 2017, ovvero circa il 12% della richiesta complessiva di greggio: nel 2050 i tecnici IEA prevedono che tale volume aumenterà sino a raggiungere i 18 milioni di barili giornalieri, con l’aumento della richiesta che sarà localizzato in aree ben precise come Cina e Medio Oriente dove sono in corso massicci investimenti nel settore in oggetto.

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Petrolio: perché tornerà a 45 dollari
Materie Prime
La Redazione 29/07/2018 10:00:47
Gli Oil Bulls si basano su analisi errate: questo il commento ... leggi tutto
Il Petrolio fa Boom! La fornitura continua a diminuire
Materie Prime
La Redazione 10/01/2018 07:00:18
Nella sessione di ieri il i prezzi del Petrolio hanno raggiunto ... leggi tutto
Petrolio: il prezzo giusto del barile ce lo svela Riyadh, ed è…
Materie Prime
La Redazione 06/09/2018 08:00:01
Quale può essere il prezzo giusto per il Petrolio? Chissà quante ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli