Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio. Aramco: e se saltasse la IPO?
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 14/03/2018 12:00:11
La IPO di Aramco è uno degli eventi più attesi dal mercato petrolifero globale, ma cosa potrebbe accadere se tutto dovesse terminare in un gigantesco bluff?

 

Da ormai due anni sul mercato petrolifero incombe la privatizzazione parziale della controllata saudita Aramco (la famosa IPO): si parla di un’operazione colossale, dell’impatto sui prezzi del Petrolio, ma cosa potrebbe accadere se il tutto sfociasse in un nulla di fatto?

La possibilità di un’operazione di questo tipo venne menzionata nel 2016 dal principe Salman (nell’immagine a seguire), si trattava di poco più di un banale accenno ad un possibile evento, ma da allora il settore petrolifero non ha fatto altro che parlare di questa possibile operazione che ormai si trova sulla bocca di tutti ed è definita come la più grande IPO di tutti i tempi e, inutile dirlo, chiunque avesse la possibilità di entrare nell’affare ha sin da subito iniziato a tentare di comprendere come trarre profitto da questo nuovo, possibile, evento di mercato.

Stando alle informazioni disponibili Aramco ha già fatto tutti i passi necessari, ha persino commissionato una revisione esterna delle riserve di Petrolio disponibili che attualmente è pronta per essere distribuita ad eventuali investitori… E le borse? Beh, li è scattata una vera e propria corsa per aggiudicarsi una parte della tanto ambita quotazione: New York, Londra, Hong Kong, nessuno è immune dal fascino saudita.

A conti fatti la parte tecnica è quasi del tutto completa, ma manca una data ufficiale per avviare l’intera operazione, o meglio: di date ne sono state comunicate molte, ma alla fine l’operazione è stata sempre rimandata, in fin dei conti non è Aramco a decidere, ma il governo saudita: solo a questo spetta la decisione finale e questo significa che a dare “luce verde” dovrà essere per forza di cose il principe Salman, che attualmente non ha ancora comunicato di aver preso alcuna decisione ufficiale e la “più grande IPO della storia” pare destinata ad essere realizzata nel 2019.

Sostanzialmente il contesto è tutt’altro che chiaro, prendete come esempio la sede ove avverrà la quotazione: il governo saudita ha indicato che il listing avverrà presso la borsa nazionale, ma non ha mai preso nessun impegno preciso a livello internazionale.

Di fatto i sauditi hanno a loro disposizione una serie di opzioni: si può effettuare una quotazione sulla borsa nazionale così come si potrebbe effettuare una vendita di azioni ad un partner strategico, oppure si potrebbe eseguire una quotazione internazionale o, perchè no, un mix di queste tre opzioni.

Il punto è uno solo: tanto più viene rimandata la decisione finale, tanto più elevato diviene il rischio che l’intera operazione non veda mai la luce o che il tutto si riduca ad una quotazione sul mercato nazionale.

 

A seguire - La storia insegna



Potrebbero interessarti anche...
Petrolio, JP Morgan: siete pronti per il grande salto?
Editoriale
La Redazione 15/04/2018 03:00:54
I prezzi del Petrolio sono ai livelli più elevati degli ultimi ... leggi tutto
A quanto può arrivare il Petrolio? Non ci credereste mai!
Editoriale
La Redazione 02/05/2018 07:00:30
Un prezzo del Petrolio a ridosso dei 100 dollari per barile ... leggi tutto
Petrolio. Care Big Banks, non avete capito proprio nulla!
Editoriale
La Redazione 05/02/2018 12:00:58
Le grandi banche di Wall Street cambiano faccia e si allineano ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli