Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Oro: per adesso… non va da nessuna parte!



La Redazione Articolo pubblicato il 14/09/2021 09:00:00
Da metà luglio, i prezzi dell'oro hanno testato la resistenza a 1830 dollari, ma non sono riusciti a mantenere il livello conquistato e questo ha deluso analisti ed investitori rialzisti

 

Bloccati in un marcato trading range, i prezzi dell’oro non sembrano in grado di suscitare l’interesse degli analisti di Wall Street e degli investitori retail, ragion per cui è lecito pensare che, almeno nel breve termine, non assisteremo a movimenti di prezzo degli di nota: questo è quanto mostra un recente sondaggio condotto e pubblicato da Kitco News.

Da metà luglio, i prezzi dell'oro hanno testato la resistenza a 1830 dollari, ma non sono riusciti a mantenere il livello conquistato e questo ha deluso analisti ed investitori rialzisti: “L’oro sembra ingabbiato tra 1760 e 1840 dollari per oncia, senza una precisa direzione, e, nella prossima settimana, non dovrebbero essere pubblicati dati in grado di modificare questa situazione” (Colin Cieszynski, chief market strategist presso SIA Wealth Management).

Grafico Oro by Tradingview

Il sondaggio condotto da Kitco News ha coinvolto 15 analisti di Wall Street: tra i partecipanti 9 (il 60%) prevedono un protrarsi del trading range, mentre la metà dei rimanenti analisti si è schierata in pari misura a favore di rialzo e ribasso delle quotazioni.

Sebbene gli investitori al dettaglio siano ancora ottimisti sull'oro, c'è una netta mancanza di interesse per il mercato e la partecipazione degli stessi al sondaggio è crollata al livello più basso dal 2019: nei sondaggi online sono stati espressi un totale di 494 voti, con il 55% degli intervistati che si attende un rialzo nel corso della prossima settimana a fronte di un 26% che prevede un calo e di un 35% che punta su un movimento laterale.

 

La parola agli esperti 

Ole Hansen, head of commodity strategy presso Saxo Bank, ha affermato che l’oro continuerà a patire la forza del dollaro USA, un elemento che rimane il più pericoloso per il metallo giallo; Hansen non prevede movimenti profondi al di sotto dei 1800 dollari per oncia.

David Madden, market analyst presso Equiti Capital, ha spiegato di attenersi un protrarsi del trading range con la crescente incertezza del mercato che offrirà supporto alle quotazioni del lingotto.

Marc Chandler, amministratore delegato di Bannockburn Global Forex, ha affermato di essere ribassista sull'oro poiché vede più slancio per il dollaro USA nel breve termine. Ha aggiunto che l'aumento dell'inflazione sta spingendo i tassi di interesse più in alto e questo sta sostenendo il dollaro USA.

Adam Button, chief currency strategist presso Forexlive. com, ha affermato di essere rialzista sul metallo prezioso poiché l'inflazione continua a salire.

Nicholas Frappell, direttore generale globale di ABC Bullion, ha affermato di essere ottimista sull'oro a causa della presenza di fattori tecnici di supporto.

 

Fonte KitcoNews

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli