Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Newsletter settimanale del 14 maggio 2018
(Pag. 1)



Giancarlo Dall'Aglio Articolo pubblicato il 14/05/2018 11:19:26


 I temi geopolitici continuano a tenere banco e a prevalere per la determinazione di prezzi e volatilità di alcuni asset sui mercati finanziari, rispetto a fondamentali e dati macroeconomici. Succede così che, mentre i prezzi dell’obbligazionario USA iniziano a stabilizzarsi, in vista di un probabile nuovo aumento dei tassi da parte della Fed, Wall Street continui ad applaudire alle politiche protezionistiche di Trump. Le quotazioni dell’indice S&P-500 infatti, si stanno riportando verso la parte alta del trading range (tra 2800 e 2550), in essere da febbraio. 

S&P-500

Eur Usd

US 10Yr

L’ultima trovata dell’amministrazione USA, ha dato slancio al settore automobili, quando ha proposto di tassare l’import di auto dalla UE, spingendo cos’, indirettamente, i modelli made in USA, in barba ai teorici del libero commmercio. Poiché tuttavia è ovvio che ad ogni azioni corrisponda una reazione, è tutto da dimostrare che questa politica così estrema funzioni davvero nel medio periodo, considerato proprio lo staus quo globale in tema di relazioni commerciali tra Stati. 

Dopo la questione siriana, messa temporaneamente in naftalina dalla propaganda del mainstream, in questi ultimi giorni tiene banco la delicata questione dei rapporti con l’Iran. Gli Usa infatti, uscendo unilateralmente dalla trattativa per il nucleare, hanno iniziato una schermaglia diplomatica con la UE, minacciando sanzioni verso chi intraprenda relazioni economiche con Teheran. E qual è il Paese europeo che risentirebbe di più di una situazione di questo tipo? Ma naturalmente l’Italia, che vanta commesse per circa 27 mld di dollari annui proprio in Iran. 

E a proposito di Italia, non mi soffermo in questa sede sul già criticassimo nuovo governo che sembra stia nascendo, ma il pensiero va al fatto che sarebbe veramente dura far peggio di chi ci ha governato dal 2011 in poi, peggiorando sistematicamente tutti gli indicatori economici e rispondendo unicamente ai diktat di chi vuol fare dell’Italia una colonia, con una posizione strategica invidiabile nel mediterraneo. Nonostante le mille avversità, l’Italia è ancora qui e rialzerà la testa ancora una volta.  



Potrebbero interessarti anche...
Newsletter del 12 febbraio 2018
Newsletter settimanale Commodity Trading
Giancarlo Dall'Aglio 12/02/2018 10:29:09
E’ stata la settimana della paura quella appena trascorsa, un ritorno ... leggi tutto
Newsletter settimanale del 5 marzo 2018
Newsletter settimanale Commodity Trading
Giancarlo Dall'Aglio 05/03/2018 11:02:46
In un contesto in cui aumentano le possibilità assistere a più ... leggi tutto
Newsletter settimanale del 19 febbraio 2018
Newsletter settimanale Commodity Trading
Giancarlo Dall'Aglio 19/02/2018 09:10:58
I numeri relativi all’inflazione in Usa erano molto attesi la scorsa ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli