Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Gas Naturale: in calo i flussi russi verso l’Europa, scorte in pericolo



La Redazione Articolo pubblicato il 17/06/2022 12:00:00
Il Nord Stream 1 ha una capacità di pompare circa 55 miliardi di metri cubi (bcm) all'anno verso l'Unione Europea che, l'anno scorso, ha importato circa 140 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia tramite gasdotti

 

Come abbiamo visto in un recente articolo, la fornitura di gas russo transitante verso l’Europa tramite il gasdotto Nord Stream 1 è ulteriormente diminuita e Mosca ha affermato che ulteriori ritardi nelle riparazioni potrebbero portare alla sospensione di tutti i flussi, mettendo un freno alla corsa dell'Europa per rifornire le sue scorte di gas.

Il calo dei volumi di gas diretti in Europa si è presentato insieme alla visita di alcuni leader UE in Ucraina, con quest’ultima che tenta di forzare la mano al fine di ottenere nuovi armamenti che le consentano di affrontare la Russia nel confronto sul campo e che spera di essere accolta tra i membri UE.

Gazprom ha affermato che stava riducendo la fornitura di gas per la seconda volta in altrettanti giorni tramite il Nord Stream 1 che, attualmente, lavora al 40% della capacità.

Dmitry Peskov, portavoce del Cremlino, ha spiegato che la diminuzione dei flussi non è intenzionale, ma dovuta a difficoltà tecniche causate dalle sanzioni, ma la Germania ha prontamente replicato accusando Mosca di aver come unico intento il generare prezzi del gas elevati e, puntualmente, nella giornata odierna i prezzi del gas si presentano in forte aumento, soprattutto dopo le parole dell’ambasciatore russo presso l’UE che ha ventilato la possibilità di una totale sospensione dei flussi.

Grafico Gas Naturale UE by Tradingview

Il Nord Stream 1 ha una capacità di pompare circa 55 miliardi di metri cubi (bcm) all'anno verso l'Unione Europea che, l'anno scorso, ha importato circa 140 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia tramite gasdotti.

La Germania, come altri paesi europei, sta tentando di riempire al massimo i siti di stoccaggio del gas, con l’obiettivo di portare lo riempimento all’80% della capacità totale entro ottobre ed al 90% entro novembre a fronte dell’attuale 52% e la riduzione dei flussi tramite Nord Stream 1 complica l’acquisizione dell’obiettivo: “Potremmo forse superare l'estate quando la stagione del riscaldamento è finita - spiega Klaus Mueller, ai vertici dell'autorità di regolamentazione dell'energia tedesca - ma è imperativo riempire le strutture di stoccaggio per superare l’inverno”.

Uniper, il più grande importatore tedesco di gas russo, ha affermato che le forniture sono diminuite di un quarto rispetto ai volumi concordati, ma il gap potrebbe essere colmato sfruttando altri fornitori.

L'Unione Europea mira a garantire che gli impianti di stoccaggio del gas in tutto il blocco di 27 nazioni siano pieni dell'80% entro novembre.

La Germania non è la sola ad affrontare il calo delle forniture e la stessa sorte è toccata ad Austria, Francia ed Italia, ragion prer cui i governi tentano ci correre ai ripari: il governo italiano ha dichiarato che tutte le misure possibili per far fronte alla situazione sono state schierate in campo, soprattutto in vista del periodo che va dall’11 al 21 luglio, quando Nord Stream 1 sarà del tutto inattivo a causa di operazioni di manutenzione.

La Norvegia, il secondo esportatore europeo dopo la Russia, ha aumentato la produzione per aiutare l'Unione Europea a raggiungere l'obiettivo di porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili russi entro il 2027 e la britannica Centrica ha firmato un accordo con la norvegese Equinor per forniture di gas extra al Regno Unito per i prossimi tre inverni; la Gran Bretagna non fa affidamento sul gas russo e può anche esportare in Europa tramite gasdotti.

Anche gli stati europei hanno incrementato le importazioni di gas naturale liquefatto (GNL), ma l'Europa ha una capacità di importazione limitata di GNL e il già ristretto mercato del GNL ha dovuto affrontare ulteriori sfide con interruzioni della produzione statunitense di GNL.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli