Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Gas Naturale: i prezzi record mettono in crisi l’Europa



La Redazione Articolo pubblicato il 07/09/2021 09:00:00
L'impennata dei prezzi dell'energia ha già portato l'inflazione tedesca ai massimi dal 2008. I prezzi sono aumentati del 3,4% ad agosto, un tasso superiore al 2% che rappresenta il target della BCE per l’area euro

 

I prezzi elevati di gas naturale ed elettricità stanno mettendo in crisi il settore energy europeo, con i costi della produzione di energia che schizzano alle stelle praticamente ovunque, dal Regno Unito alla Germania, proprio mentre la domanda aumenta a causa del ripristino della normalità dopo la pandemia di coronavirus; i prezzi in forte crescita stanno alimentando l’inflazione e minacciano di bloccare la ripresa economica poiché le industrie ad alta intensità energetica, dai fertilizzanti all'acciaio, potrebbero dover frenare la produzione.  I prezzi stanno aumentando anche se siamo ancora in estate, un periodo connotato da domanda debole, in quanto sono in corso i preparativi per la stagione invernale; i servizi di pubblica utilità stanno aumentando i prezzi per i consumatori, da quelli del cibo ai trasporti, e questo si rivela un vero problema per il mondo politico che cerca sostegno al fine di continuare il percorso di transizione energetica.

“I veri problemi non li abbiano ancora visti - spiega Julien Hoarau, responsabile di EnergyScan, l'unità di analisi dell'utility francese Engie SA - e l’Europa dovrà affrontare un inverno molto rigido”.

I futures del gas europeo di riferimento scambiati nei Paesi Bassi hanno raggiunto un record lunedì, così come i prezzi del Regno Unito e lo stesso vale per i prezzi dell’energia.

Il caldo e la bassa velocità del vento stanno frenando la produzione di energia rinnovabile, aumentando l'uso della generazione a combustibili fossili e facendo salire il prezzo del carbone di oltre il 70% in Europa, quest’anno, e questo inevitabilmente si traduce in problemi di inquinamento.

L’Europa sta affrontando una vera e propria crisi, se si parla di gas naturale, in quanto l’inverno rigido ha ridotto le scorte all’osso ed il ripristino delle stesse si rivela un’impresa ardua a causa della Russia che frena i flussi in un momento che vede l’Asia come maggior acquirente di prodotto in grado di assorbire anche parte dei carichi destinati al Vecchio Continente che, a causa di problemi tecnici e logistici, non può fare affidamento sulla produzione locale; in Europa i prezzi del gas son così elevati da essere scambiati a premio rispetto al greggio.

L'impennata dei prezzi dell'energia ha già portato l'inflazione tedesca ai massimi dal 2008. I prezzi sono aumentati del 3,4% ad agosto, un tasso superiore al 2% che rappresenta il target della BCE per l’area euro e, se dovesse ripetersi il clima freddo del 2018, la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente con un aumento delle bollette dei consumatori di una media del 20% (stima Citigroup).

 

Fonte Bloomberg

 


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli