Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Energia: Europa a rischio durante l’inverno



La Redazione Articolo pubblicato il 19/11/2021 12:00:00
I prezzi del gas in Europa hanno raggiunto livelli record quest'anno, spingendo alcuni paesi a rispondere con misure di emergenza come massimali sui prezzi e sussidi, ma ciò potrebbe non essere sufficiente

 

L’Europa potrebbe essere a rischio di interruzioni nella fornitura di energia durante l’inverno a causa di riserve di gas inadeguate e, a lungo termine, il prezzo del petrolio potrebbe raggiungere i 100 dollari per barile: questo è quanto afferma Jeremy Weir, amministratore delegato di Trafigura Group., colosso del commercio di materie prime su base mondiale.

La domanda di petrolio, carbone e gas naturale è aumentata vertiginosamente con la riapertura dell'economia globale al termine delle restrizioni precedentemente implementate dai governi al fine di combattere il COVID-19, innescando picchi di prezzo che minacciano la nascente ripresa.

I prezzi del gas in Europa hanno raggiunto livelli record quest'anno, spingendo alcuni paesi a rispondere con misure di emergenza come massimali sui prezzi e sussidi, ma ciò potrebbe non essere sufficiente: "Al momento non abbiamo abbastanza gas, francamente, non stiamo immagazzinando per il periodo invernale e quindi - spiega Jeremy Weir durante il vertice di FT Commodities Asia - c’è una reale preoccupazione che, in caso di un inverno particolarmente freddo, potremmo assistere a continui blackout in Europa”

Grafico Natural Gas (TTF, Europa) by Tradingview

Il colosso russo Gazprom, uno dei principali esportatori di gas in Europa, ha iniziato a riempire i suoi impianti di stoccaggio europei nel corso ella passata settimana, ma la capacità di gasdotto prenotata dalla società per il mese di dicembre risulta inferiore; alcuni funzionari europei hanno accusato Mosca di aver limitato l'offerta per fare pressione sulla Germania affinché quest’ultima accelerasse l’autorizzazione del gasdotto Nord Stream 2, un’ipotesi negata con forza da Mosca.

Il prezzo in forte aumento del gas naturale ha sostenuto la domanda di petrolio con il Brent che, da inizio anno, ha guadagnato il 60% portandosi al di sopra degli 80 dollari per barile.

A proposito del petrolio Weir dichiara: “Stiamo osservando un mercato petrolifero molto, molto ristretto e credo che le persone debbano riconoscere che quella attuale non è una situazione dove puoi semplicemente premere un pulsante ed aumentare la produzione di petrolio, in quanto, per farlo, servono tempo ed investimenti…”.

Weir spiega  che il cambiamento climatico ha messo sotto pressione le compagnie petrolifere affinché si allontanino dai combustibili fossili inquinanti e il conseguente calo degli investimenti in nuova produzione si aggiunge alla pressione sui prezzi del barile che, a lungo termine, potrebbe raggiungere i 100 dollari.

 

Fonte Reuters

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli