Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Petrolio: i prezzi scenderanno, perché…
(Pag. 2)



La Redazione Articolo pubblicato il 28/07/2020 08:00:00
A far pressione sui prezzi, tuttavia, non è solamente l’aumento dell’offerta, ma anche la domanda, in quanto la tanto attesa ripresa tarda a palesarsi a mercato.

 

Dopo un aver stabilito un record nel mese di aprile gli acquisti dalla Cina si sono indeboliti a causa dell’aumento dei prezzi ed a causa di un forte aumento del prodotto stoccato in loco: tecnicamente la capacità dei siti di stoccaggio nella provincia di Shandong è diminuita del 28%, ma tale percentuale è destinata ad aumentare in quanto numerosi vascelli attendono di essere scaricati).

Nel frattempo le piccole raffinerie indipendenti, le cosiddette Tea Pots, hanno rallentato il ritmo di lavorazione, con la richiesta di benzina e petrolio che, a causa delle condizioni meteo avverse, potrebbe ridursi, brevemente, del 5% (fonte Facts Global Energy).

Negli Stati Uniti, sul fronte del consumo di carburanti, le cose non vanno meglio, e la tanto attesa driving season non promette bene, con l’aumento della richiesta di benzina che ha rallentato il passo appena dopo il Memorial Day; come se non bastasse, gli stati che tradizionalmente vedono un forte afflusso di turisti interni per il periodo estivo (ad esempio Florida e California) stanno assistendo ad un forte aumento dei casi di coronavirus, e questo limita gli spostamenti e, di conseguenza, il consumo di benzina e carburante per aerei.

I dati sul traffico mostrano che quest’ultimo, nelle grandi città come Miami e Los Angeles, è inferiore del 40% rispetto ai livelli pre virus, mentre solamente nelle città del nord come New York e Chicago si registrano dei miglioramenti.

In Europa la congestione stradale è sostanzialmente stabile, fatti salvi alcuni picchi in città costiere come Nizza, nel sud della Francia, mentre in Asia si registrano variazioni assolutamente irregolari, con le città di dimensioni più contenute che registrano un aumento del traffico, mentre metropoli come Pechino stentano a recuperare i livelli pre virus.

Insieme ad una ripresa del trasporto aereo totalmente insoddisfacente, questi fattori dipingono un quadro del petrolio schiacciato tra domanda stagnante ed offerta in aumento, e questo intimorisce gli Oil Bulls che, in queste condizioni, potrebbero vedere le quotazioni cedere pesantemente terreno…

 

Fonte Bloomberg


Potrebbero interessarti anche...
ETF e Petrolio: perché erano, e sono, un rischio enorme!
Materie Prime
La Redazione 24/04/2020 08:00:00
“In questo momento c’è un enorme costo nello spostare le posizioni ... leggi tutto
Petrolio: la realtà è peggio di quanto possiamo pensare
Materie Prime
La Redazione 26/03/2020 08:00:00
“Il mercato fisico è in sofferenza, è c’è ancora molto dolore ... leggi tutto
Speciale Petrolio. Attenzione: a luglio potrebbe essere Deficit!
Materie Prime
La Redazione 16/05/2020 10:30:00
La performance migliore rimane quella dei distillati, con un volume medio ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Report
Rispetto a chi fornisce i soliti "segnali di trading", CommoditiesTrading è l'unica ad offrirti un servizio unico e molto vantaggioso: IL COMMODITY ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Company SRL ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli