Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


USA: la luna di miele tra Trump ed i lavoratori sta per giungere al termine



La Redazione Articolo pubblicato il 13/11/2017 14:00:20
La luna di miele tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ed i lavoratori delle fabbriche USA sta per trasformarsi in una “luna di fiele”

 

La luna di miele tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ed i lavoratori delle fabbriche USA sta per trasformarsi in una “luna di fiele”: questo è quello che viene spontaneo pensare a sentire i commenti in arrivo da alcuni operatori di settore.

Al centro di questa rottura sarebbe il recente viaggio in Cina di Mr. President che, secondo alcuni degli intervistati, non si sarebbe concluso con l’esito sperato 

“Siamo estremamente delusi dal fatto che il presidente non abbia richiesto riforme sistemiche nel nostro rapporto economico con la Cina: questo viaggio è stata tutta una messinscena”: questo è il duro commento rilasciato ai giornalisti di Bloomberg da  Scott Paul (Alliance for American Manufacturing, nell’immagine a seguire).

La Alliance for American Manufacturing è una partnership senza scopo di lucro tra i produttori e la United Steelworkers union ed i suoi vertici chiedono a gran voce che Donald Trump completi le indagini commerciali su acciaio ed alluminio non appena rimette piede in territorio USA

Oltre 60 lavoratori delle acciaierie hanno conferito con i legislatori USA e con i loro dipendenti al fine di evidenziare la necessità di affrontare in modo serio l’eccessiva capacità globale di produrre acciaio, con l’intento di spingere il presidente a terminare una serie di accertamenti avviati in precedenza e volti a comprendere se le importazioni del prodotto siano o meno in grado di minacciare la stabilità del settore di riferimento negli Stati Uniti.

Questo colloquio avvenne nel mese di settembre e pochi giorni dopo il segretario per il commercio Wilbur Ross (nell’immagine a seguire) dichiarò che una decisione su eventuali dazi sull’acciaio sarebbe stata posticipata sino all’approvazione di una adeguata norma fiscale.

I commenti della Alliance for American Manufacturing sono giunti a mercato dopo che Trump ha tacciato la Cina di pratiche di commercio sleali, ma il dito del presidente non è stato puntato contro Pechino ma, piuttosto, contro i suoi predecessori.

“Mentre Trump, in fondo, non commette un errore a puntare il dito sugli stessi Stati Uniti per lo stato attuale delle cose, deve fare attenzione, perchè ora quel dito è puntato verso di lui.  Non è stato compiuto nessun progresso concreto nella riduzione dell’enorme capacità produttiva della Cina in settori quali acciaio, alluminio e semiconduttori” (S. Paul).

 

Fonte Bloomberg

SalvaSalva

SalvaSalva



Potrebbero interessarti anche...
USA, attenti al Lupo? No: attenti al PIL!
Economia
Riccardo Zarfati 11/04/2017 13:00:48
Il rally post Trump delle borse USA è ancora vivo e ... leggi tutto
Venezuela e sanzioni: gli USA rincarano la dose
Economia
La Redazione 13/11/2017 18:00:33
Il governo americano ha stretto la morsa delle sanzioni che già ... leggi tutto
Zucchero: continuano i colloqui tra Messico ed USA
Economia
La Redazione 06/06/2017 08:30:56
La scadenza posta dagli Stati Uniti per giungere ad un accordo ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli