Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Petrolio: Teheran vuole Zanganeh. A tutti i costi!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 12/08/2017 10:00:26
Bijan Namdar Zanganeh: i lettori di Commodities Trading conosceranno senz’altro questo nome, un nome legato a filo doppio con l’Iran e con il Petrolio perchè l’interessato è un vero veterano del settore e da anni riveste il ruolo di ministro del Petrolio nella repubblica islamica

 

Bijan Namdar Zanganeh: i lettori di Commodities Trading conosceranno senz’altro questo nome, un nome legato a filo doppio con l’Iran e con il Petrolio perchè l’interessato è un vero veterano del settore e da anni riveste il ruolo di ministro del Petrolio nella repubblica islamica.

 

Bijan Namdar Zanganeh è una vera e propria icona per gli Oil Bugs - non me ne vogliano gli appassionati di Oro… - ed in più di una occasione si è contraddistinto per le sue capacità: si è messo in mostra durante gli accordi di Vienna di fine 2016 quando ha impedito che l’Iran divenisse anch’esso oggetto di una contrazione produttiva e si distingue tutt’ora chiudendo importantissimi accordi con Total al fine di sviluppare la quota dell’Iran in quello che è il maggior bacino di Natural Gas a livello globale (South Pars).

 

Il presidente dell’Iran Hassan Rouhani ha reso noti i nomi di coloro che potrebbero essere eletti e tra questo non poteva certo mancare quello dell’ingegnere ultra sessantenne che ha guidato la politica petrolifera dell’Iran facendosi allegramente beffe delle richieste in arrivo da OPEC ed alleati: in quest’occasione all’Iran veniva chiesto di ridurre la produzione, ma Zanganeh spuntò un aumento produttivo di 90000 barili giornalieri…

Abbiamo appena fatto riferimento agli accordi di Vienna, ma la storia di Zanganeh inizia prima, molto prima, parliamo del primo dei suoi due mandati, quello che va dal 1997 al 2005: in questo periodo il ministro ha preso contatto con importanti realtà di settore quali R.D. Shell e Total per rilanciare le attività di Teheran nel settore petrolifero e del Gas Naturale dopo anni di investimenti insufficienti e, rieletto nel 2013, si è rivelato un elemento fondamentale per ripristinare le esportazioni di Petrolio dopo l’abolizione delle sanzioni internazionali avvenuta nel mese di gennaio 2016 sotto l’amministrazione Obama.

I primi risultati si sono palesati nel mese di luglio, quando un accordo decisivo è stato firmato con i vertici di Total che contribuiranno allo sviluppo si South Pars, ovvero la “tranche” iraniana del più vasto giacimento di Gas Naturale al mondo.

 

A seguire - Un approccio semplice



Potrebbero interessarti anche...
Petrolio: È la tua ultima occasione
Editoriale
Armando Madeo 20/05/2017 10:00:13
Rivedremo i prezzi del greggio sui 60 dollari al barile? leggi tutto
Petrolio in Crash: ci svegliamo o no?
Editoriale
Gabriele Picello 05/05/2017 03:00:17
Il mercato si è svegliato? Gli investitori si sono svegliati? Verrebbe ... leggi tutto
Petrolio, Venezuela: Too Big To Fail. Cina e Russia incrociano le dita
Editoriale
La Redazione 06/11/2017 07:00:08
La volontà del presidente del Venezuela Nicolas Maduro di rinegoziare il ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli