Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Oro: in India si riparte da 19 miliardi di Dollari
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 18/06/2017 10:00:42
L’India, maggior consumatore di lingotti insieme alla Cina, sta mettendo a punto tutta una serie di nuove politiche atte a migliorare la trasparenza e ad espandere ancor di più la sua industria delle gioiellerie attualmente valutata in 19 miliardi di dollari.

 

L’India, maggior consumatore di lingotti insieme alla Cina, sta mettendo a punto tutta una serie di nuove politiche atte a migliorare la trasparenza e ad espandere ancor di più la sua industria delle gioiellerie attualmente valutata in 19 miliardi di dollari.

Le nuove misure dovrebbero ormai essere vicine al completamento, od almeno questo è quanto asseriscono fonti vicine al ministero del commercio e delle finanze durante un’intervista rilasciata allo staff di Bloomberg (le fonti hanno richiesto l’anonimato e le autorità interessate non hanno rilasciato commenti in merito alla questione).

Tra i nuovi elementi che potrebbero essere introdotti troviamo un vero e proprio spot bullion exchange che contribuirà a migliorare la trasparenza e faciliterà il rispetto degli standard qualitativi del prodotto, ma non solo, in quanto si valuta anche la riduzione dell’attuale tassa al 10% sulle importazioni di Oro al fine di porre un freno alle attività di contrabbando; possibile, inoltre, l’istituzione di una struttura bancaria dedicata espressamente all’industria dei gioiellieri.

La ristrutturazione dell’industria dei gioielli mira a riorganizzare un segmento che di fatto si presenta estremamente scomposto e frammentato ma, soprattutto, mira a rafforzare la fiducia tra produttori e consumatori in una nazione dove donare Oro in determinate circostanze è una vera e propria tradizione: in questo senso garantire il rispetto delle norme sulla qualità e consentire un facile tracciamento della catena di fornitura sono modi per incrementare la fiducia.

 

Nuove imposte

 

Le misure potrebbero anche sostenere la domanda dell’India che attualmente si sta riprendendo dopo il drastico calo avvenuto nel 2016.  Il consumo è previsto in aumento tra 850 e 950 tonnellate entro il 2020 e nel corso di questo 2017 si prevede una richiesta inclusa in un range che va da 650 a 750 tonnellate.

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Oro? Pensate all’Argento che è meglio!
Materie Prime
La Redazione 17/03/2017 03:00:51
Avete visto come l’Oro si è mosso in rialzo dopo le ... leggi tutto
Caffè e Zucchero: il Toro è pronto a caricare
Materie Prime
La Redazione 27/06/2017 14:00:56
I prezzi di Arabica, Zucchero e Soia sono pronti a correre, ... leggi tutto
Oro ed ETF, investitori come api sul miele
Materie Prime
La Redazione 26/01/2017 18:45:51
Quella avviata in Europa pare essere una vera e propria corsa ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli