Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Exxon, Shale Oil e Central Park



La Redazione Articolo pubblicato il 13/11/2017 16:00:53
Cosa c’entrano Exxon, lo Shale Oil e Central Park? Scopritelo in questo articolo!

 

Per prima cosa chiariamo le cose sin dall’inizio: nessuno - credo… - sta pensando di trivellare Central Park, ma allora cosa c’entrano Exxon e Shale Oil? Semplice: la nota compagnia ha recentemente terminato quattro pozzi in North Dakota (precisamente nel bacino di Bakken) che si estendono lateralmente per ben 4,8 chilometri (3 miglia)

Quanto realizzato da Exxon potrebbe rivelarsi un vero e proprio “game changer” che le consentirebbe di scavalcare la concorrenza in termini di cisti e ritorno economico, spiega Paul Cheng, analista presso Barclays.

I pozzi trivellati recentemente da Exxon nel Permian Basin, il bacino che si estende tra Texas e New Mexico, si estendono lateralmente per 2,5 miglia, grosso modo l’estensione dell’intero Central Park.

Exxon è senza dubbio un elemento importante nella Shale Revolution che ha sconvolto il mercato del greggio globale, ma la vera impresa è stata compiuta circa un decennio fa in Russia: nel 2007, sull’isola di Sakhalin, la società ha eseguito una perforazione raggiungendo i 7 chilometri di profondità per poi raggiungere lateralmente un cluster petrolifero al di sotto del mare di Okhotsk.

 

Fonte Bloomberg


Potrebbero interessarti anche...
Petrolio: il Ghana nel mirino di Exxon
Materie Prime
La Redazione 15/11/2017 16:00:42
Il Ghana ha ufficialmente dato il via ai colloqui con Exxon ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli