Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Cotone: siamo proprio sicuri che i prezzi scenderanno?
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 15/06/2017 20:00:20
I prezzi del Cotone potrebbero non registrare il crollo che tanti analisti vedono stagliarsi all’orizzonte e questo potrebbe tradursi in una vera e propria opportunità di investimento

 

I prezzi del Cotone potrebbero non registrare il crollo che tanti analisti vedono stagliarsi all’orizzonte e questo potrebbe tradursi in una vera e propria opportunità di investimento: questo il parere della famosa esperta di settore Judith Ganes Chase.

Ganes Chase, in ogni caso, riconosce la possibilità di un raccolto USA in grado di superare le previsioni ufficiali, condizione che inevitabilmente andrebbe a gravare sui prezzi nella stagione 2017 – 2018 con l’USDA che ha rivisto a rialzo le stime sulla produzione mondiale di 1,5 milioni di balle per un totale di 114,7 milioni di balle (+8,7 milioni di balle su base annua).

Nel mirino, come detto in precedenza, il raccolto statunitense che si prevede possa aumentare di 2 milioni di balle ad un massimo decennale di 19,2 milioni di balle nel corso di quest’anno; situazione simile in Cina, Pakistan ed India, dove il clima si presenta favorevole ai raccolti locali.

Per gli USA, tuttavia, la situazione è lievemente diversa, in quanto le stime lasciano intendere che il raccolto finale potrebbe addirittura superare le previsioni ufficiali un elemento, questo, che potrebbe esercitare una notevole pressione sulle quotazioni del prodotto con l’USDA che potrebbe aver sottovalutato i dati relativi a clima e percentuale di superficie abbandonata.

In ogni caso, sottolinea Ganes Chase, gli investitori potrebbero aver preso in considerazione solamente l’eventualità peggiore e l’attuale tendenza ribassista potrebbe tradursi in un’opportunità di acquisto sebbene vi sia la possibilità di una ulteriore contrazione dei prezzi.

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Cotone: le stime ICAC
Materie Prime
La Redazione 04/01/2018 10:00:15
l’ICAC (International Cotton Advisory Committee) ha rivisto a rialzo le stime ... leggi tutto
Cotone, Mato Grosso: la stagione inizia con il piede sbagliato
Materie Prime
Gabriele Picello 30/01/2018 20:00:52
Le previsioni puntano ad un raccolto di Cotone del Mato Grosso ... leggi tutto
Cotone: la Star del 2017 che regala buone speranze per il 2018
Materie Prime
La Redazione 03/01/2018 14:00:48
La più lunga serie rialzista in due decenni ha consentito al ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli