Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

spread trading | segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading


Bitcoin: tutta la forza dei miners cinesi
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 11/01/2018 16:00:54
E se il Bitcoin cedesse il 50%? Se siete miners cinesi non dovete preoccuparvi: continuerete a far soldi

 

In Cina il mining di Bitcoin è talmente redditizio che anche se la cryptovaluta perdesse il 50% i miners continuerebbero a far soldi: questo è quanto rivela uno studio condotto da Bloomberg New Energy Finance.

Anche lavorando operando con le massime tariffe applicabili i miners cinesi risultano profittevoli sino ad un prezzo pari a 6925 dollari: la regina delle valute digitali scambiava a questi livelli nel mese di novembre 2017 ed ora si attesta a ridosso dei 14500 dollari (dati aggiornati alle ore 22.10 di mercoledì 10 gennaio 2018).

La corsa al rialzo messa a segno dal Bitcoin nel corso dell’anno passato si è tradotta in un aumento della richiesta di energia elettrica necessaria a far funzionare i computers utilizzati dai miners nelle operazioni di estrazione: circa tre quarti di queste attrezzature si trovano in Cina, nazione che si conferma come il maggior utilizzatore di energia elettrica su base mondiale, un utilizzatore che ora sta facendo di tutto per scoraggiare queste attività che si sono trasformate in una vera e propria impennata della domanda di energia in alcune regioni del paese.

“Estrarre Bitcoin ai prezzi correnti, ma anche inferiori, si presenta redditizio con qualsiasi tariffa applicata” (Sophie Lu, Bloomberg New Energy Finance).

L’utilizzo di energia dedicato all’estrazione delle cryptovalute è un elemento che sta attirando sempre più attenzione, specialmente in Cina dove il governo lamenta la necessità di esercitare un maggiore controllo.  Le transazioni in moneta digitale richiedono reti di computers che utilizzano grandi quantitativi di energia elettrica e l’industria di settore, nel suo complesso, mostra un consumo pari a quello di 3,4 milioni di unità abitative statunitensi (fonte Digiconomist Bitcoin Energy Consumption Index); attualmente la Cina sta pensando di limitare la fornitura di energia ai miners che, colti di sorpresa - ma non troppo - iniziano a volgere altrove il loro sguardo in cerca territori meno ostili.

 

A seguire - La domanda aumenta ancora

SalvaSalva


Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Gann Commodity Trading
Gann Commodity è una newsletter a cadenza settimanale che propone ai lettori un’operatività basata su precisi set up calcolati con ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli